Effetto Unesco per il turismo orobico Bergamo, agosto con boom di presenze

Effetto Unesco per il turismo orobico
Bergamo, agosto con boom di presenze

La fotografia della città ad agosto è di nuovo quella: turisti che arrivano, che si fermano, con gli occhi che luccicano, ancora un po’ più innamorati di questa città.

Già luglio aveva registrato un +5% rispetto all’incipit dell’estate 2016, altro periodo roseo sull’onda lunga di Expo. Ora, in attesa delle stime ufficiali, qualche indicatore dà il polso della Bergamo agostana. E la sensazione è buona, buonissima. In città e in provincia: «C’è ottimismo sull’andamento della stagione. Le prime stime parlano di un +20% di presenze per l’alto lago, con una punta di +30% a Lovere, e molto bene anche la Presolana, con un incremento a due cifre. La città? Anche qui si viaggia sui buoni livelli: l’effetto Unesco pare essere immediato», è la riflessione di Giuseppe Venuti, dell’ufficio marketing della Provincia e di Visit Bergamo.
Le Mura, Città Alta, il tesoro più «patinato» di Bergamo. Che l’appeal sia in continua crescita lo indicano anche i numeri dell’ufficio Informazione e accoglienza turistica (Iat) che dai piedi della Torre del Gombito offre consigli e dritte a chi visita i vicoli del borgo. Nei primi quindici giorni di agosto, gli accessi sono stati 4.490, dato in crescita rispetto a un anno fa: nello stesso mese del 2016, i «visitatori» del punto informazioni furono 7.927, dunque la proiezione sull’intero agosto 2017 (cioè un bilancio finale sui 9 mila utenti) segna un incremento sensibile. Se così fosse, sarebbe la conferma di un trend apprezzabile: lo scorso mese gli accessi sono stati 7.065, un dato che ha incoronato il luglio del 2017 come il migliore di sempre dal 2006 in poi.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 21 agosto 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA