G7, Bergamo al centro del mondo L’obiettivo «Fame zero» è lontano

G7, Bergamo al centro del mondo
L’obiettivo «Fame zero» è lontano

Oggi e domani i ministri dell’Agricoltura a confronto. Il rapporto dell’indice globale della fame: 815 milioni di persone continuano a non avere accesso al cibo.

Il G7 a Bergamo inizia oggi, ma venerdì c’è stato un anticipo con la presentazione del rapporto internazionale dell’indice globale della fame, alla quale hanno partecipato il commissario europeo all’agricoltura, l’irlandese Phil Hogan, e il ministro Maurizio Martina. L’indagine è stata illustrata al Donizetti dall’Ong Cesvi, membro del network internazionale Alliance2015 e curatrice dal 2008 dell’edizione italiana. Un appuntamento nel quadro degli incontri di BergamoScienza e inserito nella Settimana dell’agricoltura e del diritto al cibo organizzata dal Comune.

Il report su 119 nazioni è in chiaroscuro, ma restituisce un quadro preoccupante, dimostrando come l’obiettivo «Fame zero» fissato dall’Onu per il 2030 sia purtroppo ancora lontano. C’è sì una riduzione del 27% dal 2000 ad oggi con un punteggio medio di 21.8 (grave) sulla scala da 0 a 100 dell’indice globale della fame. Tuttavia le soglie restano insostenibili: 815 milioni di persone continuano a non avere accesso al cibo e in 52 Paesi denutrizione e insicurezza alimentare rimangono a livelli drammatici. Un tragico paradosso se si pensa che un terzo del cibo prodotto nel mondo viene sprecato.


Leggi le pagine speciali sul G7 su L’Eco di Bergamo del 14 ottobre

© RIPRODUZIONE RISERVATA