Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia A Bergamo volano su aeroplanini di carta

Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia
A Bergamo volano su aeroplanini di carta

In occasione della «Giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza», che si celebra il 20 novembre, alunne e alunni delle scuole bergamasche faranno volare come aeroplani i diritti delle bambine e dei bambini, condividendo il gesto simbolico con video e scatti.

«Facciamo volare i diritti» è l’iniziativa proposta alle scuole bergamasche da una rete di progetto in cui parte attiva sono i Comitati e le Associazioni dei genitori impegnati nella scuola.«L’Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo caldeggia l’iniziativa e invita tutti gli istituti, in particolare le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado, a partecipare, realizzando e facendo volare i piccoli aeroplani di carta sui diritti dell’infanzia, sanciti dalla Convenzione Onu approvata il 20 novembre 1989 e tuttora violati in molte parti del mondo – dichiara Patrizia Graziani, dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo - La scuola bergamasca da anni è in prima linea per promuovere, attraverso l’educazione e la formazione, la cultura della legalità e della cittadinanza attiva, con i vari attori della vita scolastica che condividono l’impegno per la prevenzione e il contrasto a varie forme di disuguaglianza, pregiudizi e discriminazioni presenti, purtroppo, anche nel nostro Paese».

In pratica agli alunni viene proposto di preparare, con l’aiuto degli insegnanti, un disegno o un messaggio significativo sul tema dei diritti. Gli elaborati, piegati come piccoli aeroplani di carta, saranno fatti volare tutti nello stesso momento e verranno poi raccolti e conservati a scuola, così da costituire per bambini e ragazzi un’ulteriore occasione di riflessione sui diritti dell’infanzia. L’invito rivolto alle scuole è anche di fotografare o filmare la realizzazione dell’iniziativa, a testimonianza di un significativo gesto condiviso da docenti, studenti, genitori. Il provveditore Patrizia Graziani ha lanciato l’invito con una lettera alle scuole (http://www.istruzione.lombardia.gov.it/bergamo/protbg11291_17/) accompagnata da materiale illustrativo anche di altre attività organizzate per la giornata del 20 novembre, come laboratori teatrali, musicali, artistici, con focus sul diritto dei bambini e degli adolescenti all’arte e alla cultura.


© RIPRODUZIONE RISERVATA