Gori va sul rogo di Pavia e fa un video «Lì portati abusivamente i rifiuti»

Gori va sul rogo di Pavia e fa un video
«Lì portati abusivamente i rifiuti»

«In una situazione di questo tipo e in una regione come la nostra bisognerebbe rafforzare i controlli che sono di competenza di Arpa, che purtroppo in questi anni l’ amministrazione di centro destra ha depotenzionato riducendo sedi e personale»: lo ha detto in un video pubblicato su Twitter Giorgio Gori, che giovedì mattina si è recato a Genzone, nel Pavese, dove mercoledì sera è scoppiato un grave incendio «in un capannone ufficialmente in disuso, dove da mesi venivano abusivamente stoccati rifiuti plastici».

«La prima cosa che faremo quindi - ha annunciato il sindaco di Bergamo qui nel ruolo di candidato presidente per il Pd alla Regione Lombardia - sarà riportare Arpa in condizione di fare il suo lavoro, potenziando risorse e personale. Poi ci vuole una cabina di regia che tenga insieme l’attività di Arpa, Ats e forze dell’ordine per poter prevenire ed evitare fenomeni come questo». Serve inoltre «un piano di smaltimento dei rifiuti plastici ed è necessario che sia la Regione a coordinare il processo».

Nel capannone di Genzone «abusivamente negli ultimi mesi venivano portati rifiuti di plastica, cosa che era stata segnalata dai sindaci alla Procura e ai carabinieri alcuni mesi fa. Purtroppo nel frattempo non ci sono stati provvedimenti e non è la prima volta che succedono incendi di questo tipo, soprattutto di materie plastiche, la ragione è che la Cina ha chiuso l’importazione materie plastiche e a questo punto diventa conveniente lo smaltimento abusivo».

Intantoo il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni ha telefonato al sindaco di Inverno e Monteleone Enrico Vignati assicurando che la bonifica di tutta l’area interessata dall’incendio a Corteolona e Genzone sarà sostenuta economicamente dalla Regione Lombardia.

Sul loro i vigili del fuoco di Pavia hanno lavorato ininterrottamente per tutta la notte e nella mattina. Secondo quanto si è appreso l’incendio non è del tutto terminato in quanto ci sarebbero ancora alcuni focolai ma tecnicamente le fasi più importanti dell’opera di spegnimento sono ostate effettuate. Per tutta la giornata, probabilmente, proseguiranno invece i lavori di «smassamento».

Il sindaco di Inverno e Monteleone Enrico Vignati ha ordinato ai cittadini delle zone intorno all’incendio (Cascina San Giuseppe, Cascina Colombara e Cascine di Sotto) di restare in casa e tenere porte e finestre chiuse. L’ordinanza riguarda anche negozi e aziende.


© RIPRODUZIONE RISERVATA