Il Comune fa il check-up alle Mura Tocca al viadotto di Porta S. Giacomo

Il Comune fa il check-up alle Mura
Tocca al viadotto di Porta S. Giacomo

Al via mercoledì 28 giugno lavori di manutenzione sulle Mura Veneziane sul viadotto di Porta San Giacomo.

Si tratta di uno degli interventi programmati dal Comune di Bergamo nell’ambito di un progetto più ampio di manutenzione della cinta muraria, piano che vedrà interessate nei prossimi mesi anche la cortina di San Michele e la piattaforma di Santa Grata fino al baluardo di San Giovanni: queste fasi di lavori partiranno dal mese di settembre. Il costo lordo del progetto è di circa 209 mila euro, finanziati principalmente da un contributo a fondo perduto da parte di Fondazione Cariplo.

I lavori voluti dal Comune di Bergamo verranno svolti in collaborazione con l’Università di Bergamo, che offrirà il supporto tecnico, quale il rilievo in 3D di tutto il perimetro delle Mura tramite droni. Supporto verrà fornito anche da Orobicamente Onlus, che già da qualche anno effettua interventi periodici di manutenzione delle Mura dedicandosi principalmente alla rimozione della vegetazione. Si procederà dunque con la rimozione della vegetazione infestante, la pulizia tramite idropulitrice e la sistemazione delle parti danneggiate.

Per tutta la durata dei lavori nell’area verde adiacente al passaggio pedonale che conduce dal viadotto di Porta di San Giacomo a Via Tre Armi è previsto il divieto di sosta per le autovetture e un parziale divieto di transito pedonale con deviazione. «L’intervento sarà svolto con grande attenzione – spiega l’assessore ai Lavori pubblici Marco Brembilla – e procederemo in accordo con la Soprintendenza per quello che riguarda i metodi di lavorazione. Saranno inizialmente effettuate delle prove e proseguiremo i lavori poi con attenzione ai metodi di lavorazione approvati dalla Soprintendenza. Si tratta di un intervento importante, soprattutto considerando la valenza simbolica dei lavori»

«Continua il lavoro di pulizia delle Mura venete - sottolinea l’assessore all’Ambiente Leyla Ciagà - grazie anche al grande lavoro dei volontari dell’Associazione Orobicambiente. In queste ultime settimane si è intervenuti sul lato nord delle Mura e continuiamo in un progetto di valorizzazione della cinta muraria di grandissima importanza».


© RIPRODUZIONE RISERVATA