Cyber bullismo,  Regione in campo Una legge e 300 mila euro di fondi

Cyber bullismo, Regione in campo
Una legge e 300 mila euro di fondi

La Lombardia predispone reti di sostegno e un primo stanziamento di 300mila euro per combattere i fenomeni di bullismo.

Un progetto di legge per contrastare bullismo e cyberbullismo. Lo ha approvato all’unanimità la Commissione Cultura della regione Lombardia. Relatori del provvedimento Fabio Pizzul (PD) e Jari Colla (Lega Nord), che hanno presentato il testo definitivo concordato in Commissione alla luce di una serie di audizioni e dopo il recepimento di diversi emendamenti. Il disegno di legge affronta l’emergenza a tutto campo: bullismo telematico, realizzazione e diffusione online di video e immagini, molestie all’interno di chat-room, blog o forum, web-reputation, bullismo a sfondo sessuale.

Secondo l’indagine svolta dal gruppo di lavoro «Semi di melo» in collaborazione con l’Università Bicocca, in Lombardia sarebbero 71mila i ragazzi d’età compresa tra i 15 e i 24 anni ad aver avuto esperienza diretta di episodi di cyberbullismo, mentre oltre 230mila conoscono amici che hanno avuto questi problemi. L a proposta di legge mira alla prevenzione, attraverso un largo raggio di interventi in ambito scolastico, e nei luoghi di aggregazione giovanile, con il coinvolgimento diretto delle famiglie. Sono previste campagne di sensibilizzazione e di informazione, promozione di iniziative culturali sui temi di legalità e del rispetto reciproco. La proposta di legge costruisce e finanzia percorsi di assistenza alle vittime attraverso psicologi ed esperti e con il supporto associazioni e istituzioni attive sul territorio.

La Consulta. La proposta di legge è composta da sette articoli e istituisce presso la Giunta regionale la Consulta sul bullismo e cyberbullismo, allo scopo di raccogliere informazioni e iniziative per individuare percorsi e di valorizzare le diverse iniziative esistenti, promuovendo forme di collaborazione e di azione comune per giungere a creare una rete di sostegno agli adolescenti più fragili e di contenimento di coloro che mettono in atto comportamenti che possano configurarsi come prevaricatori e violenti nei confronti dei coetanei. La Giunta regionale trasmette al Consiglio annualmente una relazione con i risultati conseguiti nel prevenire e contrastare il fenomeno. Per il 2017 vengono stanziati 300mila euro.

I dati. Secondo l’ultimo rapporto dell’Istat, tra i ragazzi che usano cellulare e Internet il 5,9% ha denunciato di avere subito ripetutamente atti vessatori tramite sms, mail, chat o social network. Il 7,1% delle vittime sono ragazze contro il 4,6% dei maschi. E ancora: il recente studio effettuato su un campione di adolescenti lombardi e realizzato dal gruppo di lavoro «Semi di melo», in collaborazione con l’Università Bicocca e con il sostegno di Regione Lombardia, rivela che il 20,5% degli intervistati dichiara di non trovare alcuna differenza nelle relazioni via web o personali; il 42% dei minorenni e il 43% dei maggiorenni hanno incontrato dal vivo persone conosciute online, il 18% è incappato nella diffusione di proprie immagini imbarazzanti e il 45% conosce coppie di coetanei che si scambiano immagini provocanti/osè.


© RIPRODUZIONE RISERVATA