Il sindaco Gori riparte dai quartieri «E il 2017 sarà l’anno del metrobus»
Il sindaco Giorgio Gori

Il sindaco Gori riparte dai quartieri
«E il 2017 sarà l’anno del metrobus»

Sul tavolo ha un quaderno nero a quadretti. Sull’etichetta c’è scritto «Quartieri», dentro un elenco di cose, segnate con «fatte» o «da fare». Il sindaco Giorgio Gori nel 2017 riparte dalle periferie, con un nuovo tour d’ascolto nelle diverse zone della città. Ma ha anche un’asse da calare: l’entrata in funzione del metrobus.

Sindaco Gori qual è il momento che ricorda più volentieri del 2016? «L’Abbraccio delle Mura del 3 luglio scorso. È stata una bellissima giornata, un momento di inattesa e allegra partecipazione, con tantissimi cittadini che si sono stretti attorno a un progetto comune».

I quartieri si sono sentiti un po’ trascurati, dopo averla vista assiduamente in campagna elettorale. «Dopo aver fatto 4-5 incontri ci siamo fermati, perché per andare nei quartieri bisogna avere anche qualcosa di nuovo da dire. Da gennaio, comunque, riprenderemo un nuovo giro, perché capiamo che c’è un grandissimo bisogno di ascolto. E cambieremo modalità».

Quale modalità adotterete? «È utile fare questi incontri, se si preparano prima, altrimenti rischiano di essere un giro turistico. Gli operatori delle reti sociali raccoglieranno le istanze dei quartieri e ce le comunicheranno; noi le affronteremmo in pre-riunioni di Giunta e poi ci presenteremo con un’agenda di cose da fare. Ci focalizzeremo su una serie di piccoli progetti, che nell’insieme però fanno la differenza nella vita della persone e nella percezione dell’amministrazione».

Tra le scelte del 2016, c’è stata quella dell’aumento del costo della sosta, non molto popolare. «L’aumento è contenuto, di 20 centesimi, ed è coerente con la nostra impostazione di disincentivare l’uso dei mezzi privati per promuovere la mobilità dolce e l’uso del trasporto pubblico».

Il trasporto pubblico è all’altezza di questo cambio di abitudini chiesto ai cittadini? «Le indagini qualitative sul servizio Atb danno delle risposte molto buone. Nel 2017, poi, caleremo la carta del metrobus: entro quest’anno dovrà essere in funzione. Sarà un’infrastruttura di trasporto pubblico cittadino particolarmente innovativo».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 2 gennaio 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA