In auto? C’è la coda. Sul tram? Strapieno L’odissea dei pendolari della Valle Seriana
Viaggio affollato sul tram da Albino a Bergamo

In auto? C’è la coda. Sul tram? Strapieno
L’odissea dei pendolari della Valle Seriana

Viaggio sulla T1, la linea del tram Teb che collega Albino a Bergamo, ed è utilizzata soprattutto dagli studenti ma anche da moltissimi lavoratori. Segnalateci la vostra esperienza postandola nei commenti in coda all’articolo.

Se non sono in coda in superstrada, sono schiacciati come sardine sul tram. È il destino dei pendolari della Valle Seriana, che stanno vivendo un autunno particolarmente caldo, e grazie anche ai canali social, fanno sentire anche la propria voce. Il problema della T1, la linea del tram Teb che collega Albino a Bergamo, riguarda soprattutto gli studenti diretti verso il capoluogo, ma anche moltissimi lavoratori che gravitano sulla città. Lunedì mattina, 5 novembre, siamo saliti sul tram in partenza alle 6,54 da Albino. E lo abbiamo trovato semivuoto, ma mai fidarsi delle apparenze. In avvicinamento a Bergamo la situazione si fa sempre più insostenibile. I passeggeri sono sempre più numerosi e salire sul tram diventa un’impresa praticamente impossibile.

La Teb, interpellata lunedì riguardo alla situazione del sovraffollamento, ha già ricordato e ha confermato la necessità di tale approdo finale: al momento non si possono aumentare il numero di corse per ragioni tecniche. Teb da tempo chiede la disponibilità a Rfi di una striscia di terreno, oggi adibita a parcheggio, a servizio della stazione ferroviaria di piazzale Marconi, di 90 metri quadrati, 1,5-2 metri di larghezza per 60 metri di lunghezza di banchina, per consentire agli utenti la salita-discesa dal tram.


Leggi l’articolo di Simone Masper acquistando a 0,99 euro la copia digitale de «L’Eco di Bergamo» di martedì 5 novembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA