Coronavirus, salgono a 450 i contagiati «I due focolai sono connessi tra loro»

Coronavirus, salgono a 450 i contagiati
«I due focolai sono connessi tra loro»

La giornata di mercoledì 26 febbraio il bilancio sui contagi di coronavirus.

Ore 23

Non si può restare immobilizzati dalla paura del contagio: «la vita deve continuare in Italia».

E’ questo il messaggio che il premier Giuseppe Conte cerca di veicolare sei giorni dopo che il Paese è piombato nell’emergenza Coronavirus. E’ un nuovo passo nella comunicazione che dopo i primi giorni con elmetto e mascherina, prova a evitare il panico ma anche ad arginare i danni all’economia: le ordinanze delle prime ore, che nell’area del contagio chiudono scuole, musei, stadi, saranno riviste - annuncia Conte - la prossima settimana.

Arriva così un cambio di passo sicuramente comunicato al Quirinale, che negli ultimi giorni ha auspicato collaborazione e unità dei soggetti istituzionali. Intanto girano forti in Parlamento le voci di una irritazione del presidente Mattarella su come è stata gestita la comunicazione del governo sull’epidemia creando un eccesso di allarme. Voci però smentite dal Colle che si sarebbe limitato in queste ore a chiedere “unità e collaborazione» a tutto il mondo della politica, enti locali compresi. Al presidente della Repubblica chiede un incontro Matteo Salvini, che dopo un giorno di tregua scrive una seconda lettera a Conte e torna a cannoneggiare il governo «non in grado di gestire l’emergenza». In nome dell’emergenza economica Salvini riprende a evocare un governo di scopo per mettere in salvo i conti e poi tornare a votare. «L’emergenza c’era prima e ci sarà dopo», dice anche Giancarlo Giorgetti, che avverte che «i ceti produttivi del nord presto si ribelleranno” alla fermata delle attività dettata dalle ordinanze del governo.

Conte lavora alle misure economiche da portare venerdì in Consiglio dei ministri. E il Pd con Andrea Orlando si limita a dire «basta a misure eccezionali non strettamente necessarie», per tornare alla normalità e ridurre i rischi da panico. Unità chiede alla Camera Roberto Speranza, che dice basta a «localismi e protagonismi». Ma Matteo Renzi sembra dialogare a distanza con la Lega. «Rischiamo un disastro senza precedenti», dice il leader di Iv rompendo la tregua in maggioranza e puntando il dito sul «danno enorme in Italia e all’estero» causato da “errori di comunicazione”: «Serviranno misure fortissime», aggiunge Renzi, che una settimana fa aveva evocato un governo istituzionale senza Conte. L’idea, alternativa a un Conte ter senza Iv, sarebbe quella di un esecutivo con un premier terzo: “Non è detto che si arrivi lì - dicono da Iv - ma ora serve un fronte largo per riparare l’autogol pazzesco di questi giorni».

La scelta del governo di cambiare strategia per limitare i contraccolpi economici e d’immagine è emersa intanto martedì mattina, quando si è deciso di far parlare alla stampa con il commissario Borrelli prima Walter Ricciardi dell’Oms e poi Giovanni Rezza dell’Iss. Due scienziati che in passato hanno criticato alcune scelte dell’esecutivo e che ieri, con modi diversi, avevano il compito di «abbassare» la paura e l’attenzione sull’Italia. Il governo avrebbe anche valutato la possibilità di cambiare in corsa le modalità con cui vengono conteggiate le persone positive e fornire i dati dell’Istituto superiore di sanità e non delle Asl (non perché le Asl sbaglino ma perché l’Iss impiega più tempo a dare i risultati: su 374 positivi al momento l’Iss ne ha ’confermatì 190). Questo cambio in corsa avrebbe però potuto portare al governo l’accusa di nascondere i numeri reali. Perciò, dopo una serie di confronti con Palazzo Chigi e il ministero della Salute, si è deciso di cambiare il modo di effettuare le valutazioni: i tamponi non verranno fatti a tutti ma solo ai soggetti sintomatici, con una scelta che dovrebbe portare un forte calo dei contagi accertati.

Tenere alta l’attenzione ma abbassare il livello d’allarme: sciogliere pian piano le restrizioni - e introdurre misure pro imprese - per permettere all’economia di ripartire. A questo punta Conte, invocando unità nazionale, tanto da dire che potrebbe portare al tavolo del governo alcune delle proposte che gli ha inviato Salvini. Ma la tregua siglata martedì sera da una telefonata tra i due già vacilla. Salvini lo scavalca chiedendo un incontro a Mattarella. Nelle ore in cui una critica ai toni della comunicazione sembra potersi leggere dietro le parole diAlessandro Di Battista (che cita il numero di persone uccisi da tumori e fulmini) e Beppe Grillo (che posa con mascherina a forma di cervello). L’economia sarà nei prossimi giorni sempre più il fronte dei critici

Ore 21
AGGIORNAMENTO CASI IN LOMBARDIA

Salgono a 305 le persone contagiate da Coronavirus in Lombardia. Lo comunica in una Nota la Regione Lombardia aggiornando i dati rispetto ai tamponi risultati positivi.

«Ancora una volta - ha commentato il presidente Fontana - ringrazio tutti coloro che sono in campo per fronteggiare questa emergenza, in particolare medici, personale sanitario e volontari della Protezione civile».

Ore 20:54
PRIMO CASO POSITIVO IN PUGLIA
C’è il primo caso di positività da coronavirus in Puglia, lo comunica il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. Si tratta, riferisce Emiliano, di una persona residente nella provincia di Taranto sembra proveniente da Codogno in Lombardia, ove si era recato in visita, positivo al test Coronavirus.

ore 19.00
BILANCIO DEI CONTAGIATI IN ITALIA

I 400 contagiati sono conteggiati sulla base dei dati delle Regioni: 258 sono in Lombardia, 71 in Veneto, 47 in Emilia Romagna, 11 in Liguria, 3 in Piemonte, Lazio e Sicilia, 2 in Toscana, 1 Bolzano.

Le morti confermate legate al coronavirus sono invece 12: 9 in Lombardia, 2 in Veneto e una in Emilia-Romagna (di una persona che però proveniva da Lodi, Lombardia). Nella maggior parte dei casi, avevano condizioni di salute precarie e altre malattie. La Protezione Civile ha parlato anche di tre persone guarite.

18.50
ATTENZIONE ALLE FAKE NEWS: «Non ci sono informazioni ufficiali sui bambini»

«Non abbiamo informazioni ufficiali sui bambini contagiati: non so da dove escano queste informazioni. Quando le avremo ve le daremo». Lo afferma il commissario straordinario Angelo Borrelli nel corso di una conferenza stampa alla Protezione Civile

18.45
PER ORA NESSUN NUOVO FOCOLAIO

«Stanno verificando gli esperti dell’Iss, c’è un’attività in corso e aspettiamo che ci diano una conferma o meno quanto prima». Così il commissario straordinario Angelo Borrelli ha risposto a chi gli chiedeva se ci fosse un nuovo focolaio del coronavirus nel bergamasco, zona da cui provengono i tre risultati positivi in Sicilia. Quanto ai casi della Liguria, il Commissario ha sottolineato che «sono tutti quanti concentrati» si tratta di persone che “fanno parte di una comitiva, non credo che sia un nuovo focolaio».

18.30
BORRELLI: UNA BUONA NOTIZIA
«Cominciamo con una buona notizia: i due cinesi a Roma sono guariti». Lo afferma il commissario straordinario Angelo Borrelli nel corso di una conferenza stampa alla Protezione Civile. «Abbiamo 400 contagiati». «Meno del 4% dei tamponi hanno dato esito positivo».

Ore 15.30
Non si giocherà l’incontro del Sei Nazioni di rugby tra Irlanda e Italia, in programma sabato 7 marzo a Dublino. Lo ha reso noto la federazione rugby irlandese, annunciando di aver accolto la raccomandazione del ministro della salute su indicazione del Team di emergenza della sanità pubblica irlandese.

15.12

Prudenza, ma niente paura e non drammatizzare, dice il presidente del Consiglio Conte. «Dobbiamo avere consapevolezza che siamo di fronte a un’emergenza sanitaria, seguire le indicazioni che ci vengono dalla comunità scientifica e noi che abbiamo responsabilità maggiori, governo e Regioni, dobbiamo restare concentrati per contenere l’epidemia ed evitare la diffusione del contagio». Le limitazioni per gli italiani nel mondo «non sono accettabili. Noi stiamo adottando una linea di massimo rigore e trasparenza». Censura per la decisione autonoma delle Marche di chiudere le scuole: «Crea solo confusione».---.

Ore 15.11
Sono 6 i bambini positivi al coronavirus in Lombardia. Quasi tutti nella «zona rossa». Positivi anche un 17enne della Valtellina che va a scuola a Codogno e un suo compagno di scuola della provincia di Sondrio. Intanto, sale a 12 il numero dei morti e a 374 quello delle persone contagiate in 23 province di 10 Regioni italiane. Prima vittima in Emilia-Romagna, ma era un 70enne di uno dei Comuni della «zona rossa». Altri 4 casi nello stesso hotel di Alassio, in Liguria. Non aveva il coronavirus la donna di Udine morta in Austria. Guarita la turista cinese che, con il marito, era stata la prima ricoverata in Italia allo Spallanzani.

Ore 15
Il Parlamento europeo “consiglia e raccomanda” una quarantena di 14 giorni per gli eurodeputati che nelle ultime due settimane sono stati nelle le quattro Regioni italiane a rischio coronavirus (Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Veneto). Lo si apprende da fonti del Parlamento europeo.

Ore 15
A seguito del decreto del ministero dell’Economia e delle Finanze, il direttore Ernesto Maria Ruffini ha dato disposizione alle strutture dell’Agenzia delle entrate e di Agenzia delle entrate-Riscossione di dare applicazione alle misure che dispongono la sospensione degli adempimenti e dei versamenti tributari, in scadenza tra il 21 febbraio e il 31 marzo 2020, nei comuni di Lombardia e Veneto colpiti dall’emergenza epidemiologica Covid-19. In particolare, nelle zone interessate sono stati sospesi gli invii di comunicazioni di irregolarità, richieste di documenti per il controllo formale, cartelle di pagamento e atti di recupero dei debiti tributari affidati all’Agente della riscossione. Sono interessati dalla sospensione i cittadini, i professionisti, le imprese (persone fisiche e giuridiche) e gli enti che al 21 febbraio 2020 avevano la residenza, la sede legale o operativa nei territori dei comuni individuati dall’allegato 1 al Decreto del presidente del Consiglio dei Ministri del 23 febbraio 2020.

Ore 14
Da oggi i bar di Milano e della Lombardia potranno restare aperti anche dopo le 18. Per evitare assembramenti, il servizio bar dovrà essere gestito solo al tavolo dal personale e non direttamente al bancone. «I bar e/o pub che prevedono la somministrazione assistita di alimenti e bevande - si legge sul sito della Regione - non sono soggetti a restrizioni e pertanto possono rimanere aperti come previsto per i ristoranti, purché sia rispettato il vincolo del numero massimo di coperti previsto dall’esercizio».

Ore 13
«La vita deve continuare in Italia. Dobbiamo mantenerci flessibili” sulle misure “rispetto all’evoluzione di questa emergenza”» ha detto Giuseppe Conte.

Ore 11
La Turchia sconsiglia i viaggi nelle regioni colpite dal coronavirus in Italia «a meno che non sia necessario». A indicarlo è il ministero degli Esteri di Ankara, che applica la stessa raccomandazione all’Iraq

Ore 10.20
Dopo un avvio in calo contenuto le Borse europee imboccano con decisione la china discendente sulla scia del cambio di rotta dei futures Usa. Sui mercati incombe il timore che l’espandersi del coronavirus prosegua in zone finora non toccate, come appunto gli Stati Uniti, con un impatto significativo sull’economia globale. La peggiore è Francoforte (-2,26%), seguita da Parigi (-1,8%), Milano e Londra (entrambe -1,5%).

Ore 9.04
«Posso rassicurare che non c’è nessun rischio che i nostri studenti perdano l’anno». Lo ha detto il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina a Radio 24 facendo riferimento alla normativa che stabilisce che «al ricorrere di situazioni imprevedibili è fatta salva la validità dell’anno scolastico». «Le scuole nella loro autonomia scolastica potrebbero anche prevedere di allungare l’anno ma non sarà necessario perché abbiamo attivato una task force per garantire la didattica a distanza», ha aggiunto il ministro.

Ore 9
Il fatidico «paziente zero» da cui sarebbe partita la catena di contagio da Coronavirus in Nord Italia «lo stiamo ancora cercando», anche se «solo a fini statistici», alla luce del fatto che oramai l’epidemia si è già diffusa abbastanza. Lo ha detto, intervenendo alla trasmissione Agorà, l’assessore al Wealfare della Regione Lombardia Giulio Gallera.

Ore 8.53
«Questo è il momento della coesione e dell’unità nazionale, non della polemica. L’Italia si aspetta da tutte le forze politiche un atteggiamento responsabile, ispirato a collaborazione e professionalità. Le nostre decisioni poggiano sempre sulle valutazioni del comitato tecnico-scientifico. Nel dibattito pubblico si dice di tutto e di più; ma dobbiamo fidarci del giudizio degli esperti e poi tenere sempre conto della concreta praticabilità delle soluzioni, non limitandosi a valutarle solo in astratto». Lo dice il premier Giuseppe Conte in un’intervista al Corriere della Sera.

Oe 8.42
A partire da oggi e sino a lunedì sono sospese le lezioni nelle scuole di ogni ordine e grado del territorio metropolitano di Palermo. Il provvedimento è stato disposto dal presidente della Regione, Nello Musumeci, d’accordo con il sindaco della Città metropolitana, Leoluca Orlando, e l’assessore regionale all’Istruzione, Roberto Lagalla, alla luce del caso dei tre turisti di Bergamo riscontrati positivi al coronavirus.
L’interruzione è finalizzata a dare seguito all’ordinanza regionale di Protezione civile che prevede, negli stessi giorni di interruzione delle attività didattiche, l’effettuazione di interventi di disinfezione straordinaria dei locali scolastici. Il provvedimento è esteso anche agli Enti di formazione professionale che svolgono corsi in obbligo scolastico. Lezioni sospese anche nelle Università di Palermo e Messina per iniziativa degli Atenei.

Ore 8
I dipendenti pubblici e quanti operano presso amministrazioni pubbliche che provengono dalle zone colpite dall’emergenza Coronavirus e o che abbiano avuto contatti con persone provenienti da quelle aree «sono tenuti a comunicare tale circostanza all’amministrazione». Lo stabilisce la direttiva firmata dalla ministra della Pubblica Amministrazione, Fabiana Dadone, con le «prime indicazioni in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 nelle pubbliche amministrazioni al di fuori» dei Comuni già interessati dall’emergenza.

Ore 7
È di 325 contagiati di cui 11 morti il bilancio del coronavirus in 9 regioni d’Italia: 240 casi con 9 vittime in Lombardia; 45 casi con 2 morti in Veneto; 26 casi in Emilia Romagna; 3 in Piemonte, Lazio e Sicilia; 2 in Toscana e Liguria; 1 in Alto Adige. Attesa oggi la conferma di una positività nelle Marche.

Ore 5
Il governo australiano ha attivato un piano di «risposta a emergenza» per impedire una pandemia del coronavirus nel paese, programmando l’allestimento di cliniche per pazienti risultati positivi, potenziando le operazioni di sviluppo di vaccini e prevedendo una forte pressione su ospedali, banche del sangue, forniture mediche e obitori. Il «Covid-19 Plan», annunciato dal primo ministro Scott Morrison, delinea una strategia per l’eventualità di un’insorgenza di vasta scala del virus, mentre leader mondiali ed esperti di bio-sicurezza avvertono che una pandemia di scala globale potrebbe essere inevitabile. Il documento presentato da Morrison segnala un «approccio precauzionale» e prevede legislazione di emergenza e disposizioni per consentire al primo ministro di assumere la responsabilità primaria degli sforzi per contenere la malattia. L’Australia ha finora meno di 25 casi confermati di contagio del virus, fra cui diversi passeggeri evacuati dalla nave da crociera Diamond Princess in Giappone.


© RIPRODUZIONE RISERVATA