In Lombardia +11.525 positivi, a Bergamo 817 nuovi casi. Fontana: continuare a fare attenzione, soprattutto nei luoghi affollati

Covid I dati delle ultime 24 ore nel report di venerdì 1° luglio. Il governatore Fontana commenta la situazione degli ultimi giorni: «Preoccupato no, ma è un dato di fatto che il numero dei contagi stia aumentando. Mettere in atto tutte le precauzioni utili a contrastare il Covid, soprattutto nei luoghi affollati».

In Lombardia +11.525 positivi, a Bergamo 817 nuovi casi. Fontana: continuare a fare attenzione, soprattutto nei luoghi affollati

Con 46.039 tamponi effettuati è di 11.575 il numero di nuovi positivi al Covid registrati in Lombardia, con un tasso di positività che scende lievemente al 25,1% (ieri era al 25,9%). È quanto si legge nel report regionale di venerdì 1° luglio. Il numero dei ricoverati è stabile nelle terapie intensive (24, come ieri) e aumenta nei reparti (+66, 975). Sono 15 i decessi che portano il totale da inizio pandemia a 40.844.Per quanto riguarda le province, a Milano sono stati segnalati 4.186 casi (di cui 1.835 in città), a Bergamo 817, a Brescia 1.409, a Como 660, a Cremona 333, a Lecco 361, a Lodi 224, a Mantova 442, a Monza e Brianza 962, a Pavia 672, a Sondrio 171 e a Varese 937.

Fontana: continuare a porre attenzione

Sul tema dei contagi è intervenuto oggi anche il presidente della Regione, Attilio Fontana. «Preoccupato no, ma è un dato di fatto che il numero dei contagi stia aumentando». Così il governatore lombardo ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano di commentare la situazione della diffusione del virus del Covid in questi ultimi giorni, a margine di un evento a Palazzo Pirelli. «È altresì un dato di fatto che questo tipo di contagio non sia preoccupante come quelli precedenti e che abbia sulla salute effetti differenti rispetto al recente passato» ha proseguito il governatore. In relazione al fatto che si registrino aumenti dei ricoveri nei reparti ordinari degli ospedali, il presidente ha spiegato che «la maggioranza di questi casi si riferiscono a pazienti in degenza per altre patologie che risultano positivi quando vengono ricoverati. Dunque attenzione alta, ma nessun allarme».« Il mio appello a tutti i lombardi - ha concluso - è di continuare a porre attenzione e a mettere in atto tutte le precauzioni utili a contrastare il Covid, soprattutto nei luoghi affollati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA