In piazza Vecchia la novità Arrivano i bagni pubblici

In piazza Vecchia la novità
Arrivano i bagni pubblici

L’opera è stata pagata dai baristi, stanchi dell’assalto dei turisti alle loro toilette. Ogni utilizzo costa 70 centesimi.

Il cartello è apparso da qualche giorno, ma ancora precario. Un foglio «A4» appeso dietro al totem di un vecchio evento che ha animato Città Alta, con scritto «Toilette». I nuovi bagni pubblici di Piazza Vecchia hanno finalmente aperto. Sono già stati utilizzati in occasione della soirée della Guardia di Finanza e anche per la «Cena del buonumore bergamasco» organizzata dal Ducato di piazza Pontida qualche settimana fa. Ma da circa sette giorni sono operativi in modo regolare.

Annunciate nel 2016, le toilette pubbliche arrivano a distanza di un anno, ma dopo decenni di attesa e lamentele da parte degli operatori commerciali di Piazza Vecchia, stanchi di offrire i propri servizi igienici gratis agli avventori di Bergamo Alta. L’iniziativa è del titolare del «Caffè del Tasso» Marcello Menalli che, raccogliendo le rimostranze dei colleghi ristoratori e baristi di Piazza Vecchia, ha preso in mano la situazione sottoscrivendo una convenzione con il Comune di Bergamo. Prendendosi cioè in carico la sistemazione della struttura di proprietà comunale, visto che in tutti questi anni l’amministrazione non ha mai risposto alle richieste dei privati.

Rispetto alle previsioni iniziali cambia anche il prezzo, sceso da un euro a 70 centesimi per ogni «utilizzo». L’apertura, per questa fase iniziale, è garantita dalle 10,30 del mattino fino alle 18. A breve dovrebbe arrivare anche uno spazio «lounge» (un piccolo salotto) nell’androne che conduce ai servizi pubblici, un distributore per le bevande e anche un monitor, dove scorreranno immagini della città e informazioni utili ai turisti.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 31 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA