Intervista a Zapata: «Due gol di meno  per l’Atalanta più in alto in classica»

Intervista a Zapata: «Due gol di meno
per l’Atalanta più in alto in classica»

«Il record mi fa piacere. Ma il più felice è Dayton, che dice sempre: “Papà, sei famoso” Io a 20 gol? Bello, ma rinuncio se serve alla classifica . Cagliari conta: poi sappiamo cosa c’è...»

«Complimenti per il record, Duvan Zapata. Lei è il primo atalantino di sempre ad aver segnato in sei partite consecutive in serie A». L’intervista parte con una domanda, la risposta è l’emblema del bomber colombiano: «Mi fa piacere». Lo sguardo è vispo, il sorriso disarmante. Sono lo stesso sguardo e lo stesso sorriso di quando non segnava mai, e nessuno gli chiedeva interviste, se non per porgli la domandona, intinta nel fiele: ma dov’è finito Zapata?

Due mesi dopo per chiedere di intervistarlo bisogna mettersi in coda, le domande sono inzuppate nel miele, lo guardi in faccia e capisci che tra tutti lui sarà l’ultimo a perdere la misura, se mai la perderà. Per smuoverlo puoi solo parlargli di Danzel e Dayton, lei 6 anni e lui 4, i suoi figli. Oppure della Colombia, dov’è tornato nella settimana di sosta e da dove è rientrato con un sorriso infinito.

«È stato bellissimo tornare a casa, riabbracciare tutta la famiglia e trascorrere alcuni giorni a casa. E l’affetto della mia gente è stato incredibile: in Colombia il calcio italiano è molto seguito, essere diventato il colombiano che ha segnato più gol in serie A mi ha portato nel cuore di tutti. È stata davvero una festa continua...».

Adesso naturalmente tornerà anche la Nazionale..
«Nelle ultime occasioni ero sempre nella lista dei pre-convocati, anche se poi non mi hanno chiamato: c’erano attaccanti più in forma di me».

Adesso è difficile crederlo...
«Sì, ho vissuto un buon mese di dicembre, segnare in tutte le partite è stato bellissimo. Ed è arrivato anche il record...».

E suo figlio?
«È il più felice di tutti, mi dice sempre: “Papà, sei famoso”. Adesso aspetta un altro pallone, mi sono presentato a casa dopo quello meritato con la tripletta di Udine ed era felicissimo. Ne vuole un altro...».


Leggi l’intera intervista a Zapata di Pietro Serina acquistando a 0.99 euro la copia digitale del 12 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA