«Bergamasca zona più temporalesca a Nord  E gli eventi saranno sempre più frequenti»
Il crollo delle controsoffittature alla scuola elementare di Nembro Centro per la violenta grandinata

«Bergamasca zona più temporalesca a Nord
E gli eventi saranno sempre più frequenti»

Anche se le grandinate, anche violente, ci sono sempre state, negli ultimi anni è aumentata la loro frequenza.

A confermarlo è il meteorologo Edoardo Ferrara, responsabile di redazione di «3BMeteo», che lancia l’allerta anche per i prossimi giorni.

Ferrara, grandinate violente come quella che si è abbattuta martedì sulla Val Seriana possono essere ancora considerati eventi anomali?

«Sono eventi rari, ma non anomali. La Bergamasca è la zona più temporalesca del nord Italia. Fenomeni di queste proporzioni sono rari, ma i temporali, anche forti, si verificano spesso».

Perché da noi questi fenomeni si verificano più spesso che altrove?

«Perché la Bergamasca si trova al confine tra Pianura e Prealpi e quindi è più facile che qui si formino contrasti termici tra l’aria fredda e quella calda . All’interno dell’area bergamasca i temporali sono più forti nelle valli e poi nella città di Bergamo e hinterland, dove, scendendo dalle montagne, trovano aria più calda che li alimenta, per perdere gradualmente intensità verso la pianura».

Dall’Annuario dei dati ambientali 2019 diffuso dal rapporto Ispra- Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale risulta che l’Italia si scalda più del resto del mondo. Quanto influisce questo sull’intensità dei fenomeni temporaleschi?

«Più in generale è la zona del Mediterraneo a scaldarsi maggiormente e sicuramente si tratta di un aspetto determinante per lo sviluppo di fenomeni più violenti visto che è proprio l’aria calda ad alimentare i temporali».

Rispetto al passato sembra che temporali e grandinate violente si verifichino più frequentemente…

«Gli eventi violenti e intensi fanno parte della storia metereologica del nostro Paese, ma il clima più caldo degli ultimi anni dà origine a temporali più frequenti. Lunghi periodi di caldo intenso sono intervallati da violenti temporali».

Cosa ci dobbiamo aspettare nei prossimi giorni?

«Giovedì 4 sono previste intense perturbazioni con piogge abbondanti, soprattutto nel tardo pomeriggio e sera, con un netto calo termico . Nelle valli non sono esclusi accumuli di oltre 70 millimetri di acqua e locali grandinate. I fenomeni riguarderanno anche le zone di Nembro e Alzano già pesantemente colpite martedì. Massima attenzione anche per chi si mette alla guida, perché non sono esclusi allagamenti a ridosso delle Prealpi. Venerdì ci saranno anche momenti soleggiati, mentre il weekend sarà instabile».  

Il crollo delle controsoffittature alla scuola elementare di Nembro Centro: danni per 400 mila euro

Il crollo delle controsoffittature alla scuola elementare di Nembro Centro: danni per 400 mila euro


© RIPRODUZIONE RISERVATA