La Regione fa gli auguri in dialetto Parte da Bergamo il «tour» lombardo
L’assessore regionale Cristina Cappellini

La Regione fa gli auguri in dialetto
Parte da Bergamo il «tour» lombardo

Domenica alle 16 dalla casa di riposo Santa Maria Ausiliatrice di via Gleno parte il tour lombardo di «Natale con i miei», spettacoli teatrali in dialetto voluti dalla regione Lombardia per fare gli auguri di Natale.

Da Bergamo parte la nuova edizione del progetto socio-culturale «Natale con i miei quest’anno parla lombard». Una rassegna di dodici tappe che toccherà i territori lombardi e che vedrà protagonisti bambini, anziani e artisti locali. Per l’esordio bergamasco alla casa di riposo di via Gleno e’ stato scelto lo spettacolo del Gruppo Folkloristico orobico e le poesie dialettali di Amadio Bertocchi.

Gli auguri in lingua o meglio in tutte le lingue lombarde è un’idea dell’assessore alle Culture, Identita’ e Autonomie di Regione Lombardia, Cristina Cappellini che ha affermato:«Lo scorso anno, per celebrare il Santo Natale - ha spiegato l’assessore -, avevamo deciso di dar vita a un progetto molto particolare. Era “Natale con i miei”, una rassegna di iniziative natalizie che la Regione portava a domicilio, nei luoghi dei nostri territori più periferici e spesso dimenticati dalla vita culturale: ospedali, case di riposo, centri di aggregazione, mense dei poveri e oratori. Cosi’ facendo, abbiamo utilizzato la cultura nelle sue varie forme per creare aggregazione, gioia, serenità, soprattutto per quella parte di popolazione lombarda più bisognosa di ricevere il calore delle festività». «Visto l’apprezzamento espresso dai destinatari di questo omaggio, - ha detto ancora l’assessore - abbiamo deciso di riproporre «Natale con i miei» anche quest’anno, stavolta con una nuova particolarità: le iniziative saranno tutte in lingua lombarda».


© RIPRODUZIONE RISERVATA