L’alberghiero apre in città Dal 2017 nell’Istituto Galli
I lavori alla nuova ala dell’Istituto Galli che ospiterà l’alberghiero

L’alberghiero apre in città
Dal 2017 nell’Istituto Galli

L’amministrazione provinciale rende noto il piano dell’offerta formativa. Dal 2017 la nuova ala dell’Istituto Galli accoglierà cucine e sala per l’indirizzo alberghiero.

Sono 11.534 i ragazzi bergamaschi che frequentano la terza media: tra pochi mesi, per loro arriverà il momento di scegliere come proseguire il percorso di studi. E tra le opzioni spunta qualche novità di rilievo, come l’apertura in città dell’alberghiero: «Un tema di cui si parla da almeno vent’anni», osserva il presidente della Provincia, Matteo Rossi. E che pare supportato dai numeri, se si pensa che attualmente, ogni giorno, circa duecento ragazzi dalla pianura e dall’Isola salgono verso le valli per frequentare i già esistenti istituti di San Pellegrino, Nembro e Sarnico «e molti altri probabilmente rinunciano per via delle distanze».

L’istituto che ospiterà il nuovo percorso («Servizi per l’enogastronomia e ospitalità alberghiera», con le tradizionali articolazioni di accoglienza turistica, enogastronomia e servizi di sala e bar) è il «Guido Galli», fresco di ampliamento ad opera della Provincia: la nuova ala, su cui si stanno completando le ultime rifiniture, sarà destinata proprio a cucine, sala e aule specifici per questo percorso di studi.

Per sapere quali sono alcuni dei nuovi percorsi scolastici e formativi inclusi nel piano provinciale che verrà ufficializzato e reso noto sul web nei prossimi giorni da Via Tasso


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 4 novembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA