L’auto non parte, finge di saperla riparare Sventata truffa al parcheggio Auchan

L’auto non parte, finge di saperla riparare
Sventata truffa al parcheggio Auchan

Il personale della Squadra Volante della Questura di Bergamo è intervenuto nel pomeriggio di lunedì 20 aprile nel parcheggio del supermercato Auchan di via Carducci, a Bergamo: qui era stata segnalata la presenza di un soggetto sospetto vestito da meccanico.

Un uomo infatti aveva dato l’allarme segnalando la presenza di un giovane con una tuta da meccanico, sporca di olio e grasso di motore, che poco prima si era avvicinato alla sua autovettura in quanto non si metteva in moto. Il giovane ha dato quindi uno sguardo all’autovettura e dopo aver chiuso il cofano ha riferito al cliente del supermercato che occorreva cambiare un componente elettrico. Il presunto meccanico si è offerto di reperire il pezzo dietro il pagamento di una somma in contante.

Il titolare della vettura ha rifiutato la proposta e ha cercato di contattare un meccanico di fiducia non riuscendovi a causa delle chiusure in atto per l’emergenza Covid. Il presunto meccanico si è quindi riavvicinato all’autovettura, e, dopo essersi chinato sotto il cofano ,ha invitato l’uomo ad accendere l’autovettura per poi allontanarsi. In effetti l’autovettura è ripartita.

Gli agenti della Questura, dopo aver individuato il presunto meccanico che si aggirava nel parcheggio: si tratta di un cittadino italiano del 1975. sono state anche controllate le immagini di videosorveglianza del centro commerciale con l’ausilio del personale Auchan: si è così scoperto che il finto meccanico si era poco prima avvicinato all’autovettura dell’uomo che ha segnalato il caso, ma anche di altre autovetture.

Il finto meccanico è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per tentata truffa e sanzionato in relazione ai provvedimenti anti Covid. «In considerazione del modus operandi del soggetto che si è avvicinato ad altre autovetture si invitano i cittadini che avessero riscontrato la stesa problematica a contattare le Forze dell’Ordine» segnalano dalla Questura.


© RIPRODUZIONE RISERVATA