Lella Costa  legge don Milani

Lella Costa
legge don Milani

er la rassegna «Molte fedi sotto lo stesso cielo», l’attrice Lella Costa leggerà «Lettera ai giudici» di Don Lorenzo Milani. «Sono passati cinquant’anni dalla scomparsa di don Milani. Il priore di Barbiana morì il 26 giugno 1967, quattro mesi prima del processo per apologia di reato intentatogli da alcuni militari. Non potendo partecipare direttamente alle sedute perché malato di tumore, don Milani decise di inviare al tribunale una memoria difensiva che è passata alla storia come «Lettera ai giudici», nella quale ribadisce che, quando le leggi non sono giuste, bisogna battersi per cambiarle ed è dovere di ogni cittadino intervenire, quando non si rispettano i principi di giustizia, di libertà, di verità». Lella Costa è una delle più amate autrici e attrici teatrali italiane. La sua carriera, caratterizzata da un forte impegno civile, l’ha condotta sui principali palchi teatrali italiani. Ha dichiarato: «Don Milani non si accontenta di enunciare un principio. Quello lo fanno già in troppi. Lui no, ti costringe alla responsabilità e alla coerenza. Le sue parole sulla guerra sono di grande fermezza: anche questo è un grande insegnamento. L’etica non sono le regole o le regolette, ma pochi principi fermi e indisponibili».

«Molte fedi sotto lo stesso cielo» è un ciclo di incontri promosso dalle ACLI, con il patrocinio della Cattedra Unesco sul pluralismo religioso e la pace, dell’Università di Bergamo, della Provincia e del Comune di Bergamo, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo e con moltissimi gruppi e associazioni del nostro territorio.L’obiettivo del percorso è quello di imparare un alfabeto delle culture e delle religioni che attrezzi a vivere con responsabilità e discernimento la sfida epocale del mondo plurale a cui, inevitabilmente, saremo chiamati in un futuro non troppo lontano. La nostra convinzione è che per vivere, e non subire, le trasformazioni in atto siamo chiamati, da un lato a conoscere più e meglio non solo lo stesso cristianesimo, ma anche le religioni “altre”, cercando di evitare i ricorrenti pregiudizi e i facilistici pressapochismi; e dall’altro a educarci pazientemente al dialogo e al confronto interculturale e interreligioso. Un impegno civile a costruire “terre di mezzo” in grado di far crescere la cultura dell’inclusione. La proposta è ambiziosa perché presuppone non solo incontri e dialoghi ad alto profilo con testimoni del nostro tempo, ma anche, in parallelo, percorsi di carattere storico-artistico, letture di testi delle grandi tradizioni religiose, ascolto di musiche, presentazioni di spettacoli teatrali, itinerari a piedi, visite guidate, seminari di approfondimento, percorsi di formazione per i giovani e per le scuole, momenti di preghiera con le diverse comunità religiose presenti a Bergamo. In caso di pioggia l’evento si svolgerà presso la Chiesa SS. Bartolomeo e Stefano - Bergamo. Ingresso € 7 - Per i possessori di Card € 5. Prenotazione obbligatoria a partire da lunedì 4 settembre. Bergamo Cortile del Palazzo Provincia Via Tasso, 8. Lunedì 25 settembre alle 20:45. www.moltefedi.it .Telefono: 035 210284. Email: [email protected]

Ecco tutti gli appuntamenti di lunedì 25 settembre


© RIPRODUZIONE RISERVATA