Lombardia, ordinanza sulle case di riposo
«Consentite le visite solo se autorizzate»

Nuova delibera regionale: le visite agli ospiti della Rsa sono consentite solo in situazioni di particolare necessità e devono essere concordate e autorizzate dal gestore.

Lombardia, ordinanza sulle case di riposo «Consentite le visite solo se autorizzate»

Le visite agli ospiti della Rsa sono consentite solo in situazioni di particolare necessità e devono essere concordate e autorizzate dal gestore. È quanto prevede la nuova delibera sulla riapertura delle Rsa ed Rsd approvata nel pomeriggio di martedì 9 giugno dalla Giunta regionale della Lombardia, come spiega una nota della Regione. Il provvedimento contiene anche la disciplina per la riapertura delle attività di neuropsichiatria infantile e di sostegno alle dipendenze a seguito dell’emergenza Covid.

«Le strutture residenziali e semiresidenziali possono riaprire in totale sicurezza: sono previsti test sierologici e tamponi per i nuovi accessi, la presa in carico in appositi centri Covid dei positivi, percorsi di screening e di formazione continua per gli operatori», spiega in una nota l’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera, ricordando che «nelle scorse settimane, le Ats della Lombardia hanno disposto l’esecuzione di tamponi a tappeto per ospiti e operatori in servizio, con l’isolamento o il ricovero all’occorrenza dei casi positivi».

La delibera disciplina anche percorsi di formazione specifica per gli operatori, screening e controlli accurati delle loro condizioni di salute con il divieto di accesso alla struttura in caso di sintomatologia riferibile al Covid. Lo stesso vale per i fornitori di servizi o di prestazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA