Lovere, a scuola con i robot Alle medie si impara a programmare

Lovere, a scuola con i robot
Alle medie si impara a programmare

Nuovo laboratorio informatico realizzato con contributi pubblici e privati

Piccoli robot che si muovono in apparente autonomia; mattoncini di costruzioni collegati ai computer; tablet, pc e una grande lavagna interattiva. C’ è tutto questo nel nuovo laboratorio di informatica e di robotica alle scuole medie dell’ istituto comprensivo di Lovere. L’aula è stata realizzata grazie al sostegno di diversi soggetti: anzitutto, la scuola stessa, che ha ricevuto dal ministero per l’ Istruzione un contributo economico nell’ ambito del progetto per la creazione degli «Atelier creativi», spazi in cui si combinano manuale e digitale, didattica formale e didattica informale.

Poi il Comune di Lovere, che ha dato un assegno con cui compartecipare alla spesa per l’acquisto delle attrezzature e che ha effettuato i lavori di adeguamento e di sistemazione dei locali. In più c’ è l’ associazione Comitato genitori che, con le sue molteplici iniziative, raccoglie fondi da destinare all’ istituto comprensivo per migliorarne l’ offerta didattica e formativa. Completa l’ elenco la Lucchini Rs, l’ azienda che da oltre 160 anni segna la storia economica e sociale dell’ alto Sebino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA