L’ultimo saluto a Dario Capitanio «Gran lavoratore, tutti gli volevano bene»
Il funerale a Cene (Foto by Fronzi)

L’ultimo saluto a Dario Capitanio
«Gran lavoratore, tutti gli volevano bene»

La chiesa parrocchiale di San Zenone non è riuscita ad accogliere le centinaia di persone arrivate a Cene per l’ultimo saluto a Dario Capitanio, l’allevatore ventinovenne che martedì ha perso la vita in un tamponamento sull’autostrada A4.

Familiari, conoscenti, amici: più di quattrocento persone si sono ammassate all’interno e all’esterno della parrocchiale, unite in un silenzio composto e quasi irreale, in attesa del feretro bianco portato dagli amici del giovane.

«Dario era benvoluto ed è riuscito a portare qui tanta gente» ha detto il parroco di Cene, don Guido Sibella, che ha presieduto la celebrazione insieme a don Vittorio Rossi (parroco di Paladina) e don Claudio Federici (parroco di Abbazia di Albino). «Siamo in chiesa – ha continuato - per dire che, così come la nostra vita inizia qui con il battesimo, termina sempre qui, per dire grazie di quanto di bello abbiamo avuto in vita».


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 1 dicembre 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA