«Marica, ragazza buona e generosa» Gli amici ricordano la giovane
Marica Messi

«Marica, ragazza buona e generosa»
Gli amici ricordano la giovane

«Era una ragazza fantastica, d’altri tempi, come non ce ne sono in giro». È un ricordo commosso e toccante quello di Gordon Pozzo, amico di Marica Messi e suo testimone di nozze designato per il matrimonio che avrebbe dovuto essere celebrato il prossimo 30 luglio tra la ventottenne bergamasca e il suo fidanzato, Daniele Scaglia, artigiano biellese.

I sogni di Marica sono stati spazzati via da una Bmw in corsa, che l’ha travolta sulle strisce pedonali mentre lei attraversava, in un lunedì sera come tanti, in cui era uscita a fare jogging. «Aveva una generosità spiccata - prosegue Gordon - specie sul lavoro come operatrice sanitaria in una casa di riposo, dove si impegnava molto nella cura degli anziani, senza risparmiarsi. È morta facendo ciò che più le piaceva: correre. Ma c’è anche tanta rabbia in noi che le volevamo bene: quell’auto andava troppo forte, è evidente. Come si spiega altrimenti, dato che lei era sulle strisce e dopo l’impatto è stata sbalzata a venti metri di distanza?».

Appena saputo della tragedia i familiari sono accorsi al centro traumatologico di Torino, dove è avvenuto il decesso. «L’abbiamo potuta salutare un’ultima volta - conferma la zia Graziosa Capelli, di Strozza - ma ci hanno detto che dovremo attendere, prima di poterla riportare a casa per i funerali, perché il magistrato ha disposto l’autopsia».

Il ritratto che la zia fa della nipote è commovente: «Era affascinata dal suo lavoro con gli anziani, di cui si prendeva cura con amore».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 6 luglio 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA