Mercoledì ancora neve in Bergamasca Freddo fino a domenica, attenti alle strade

Mercoledì ancora neve in Bergamasca
Freddo fino a domenica, attenti alle strade

Dopo il freddo e la neve a quote basse sull’Europa centro settentrionale, anche in Italia si prospetta un periodo instabile e più freddo: ancora neve al Nord, piogge al Centro-Sud.

«Si conferma un proseguo di settimana piuttosto movimentato sull’Italia – spiega il meteorologo di 3bmeteo.com Daniele Berlusconi -. Un canale depressionario presente sull’Europa nord-occidentale e alimentato da aria molto fredda invierà perturbazioni a più riprese verso la Penisola che attraverseranno rapidamente le nostre regioni».

Mercoledì fin dal mattino il tempo tornerà a peggiorare a partire dai settori occidentali con nubi in aumento e primi fenomeni su Alpi occidentali e Sardegna. Tra il pomeriggio e la sera la perturbazione si porterà nuovamente verso il Centro Sud con piogge e rovesci dapprima su Toscana e Lazio e poi ancora su Campania, Calabria tirrenica e Sicilia. Qualche fenomeno interesserà anche le pianure del Nord (specie Nord Est) ed i settori adriatici, seppur a carattere più blando.

«La neve tornerà a far la sua comparsa anche al di sotto dei 1000 metri sulle Alpi, specie sui settori di confine, e intorno ai 1100-1300m sulla dorsale settentrionale. Tra giovedì e venerdì tese correnti nord-occidentali trasporteranno nuovi fronti nuvolosi sulle Alpi con altre nevicate a quote basse, e rinnoveranno instabilità sui settori tirrenici e sulle isole maggiori. Le temperature saranno in calo anche al Sud e il clima rimarrà piuttosto freddo per il periodo con valori intorno allo zero in pianura al Nord».

E per la l’arrivo della neve, mercoledì è prevista un’allerta neve anche sulle Prealpi bergamasche, con precipitazioni nevose dai 800-1000 metri, con quantitativi cumulabili al suolo variabili ma inferiori ai 5 cm. «Si chiede ai sistemi locali di protezione civile di porsi in una fase operativa di “attenzione” e cioè di predisporre il sistema locale alla pronta attivazione di azioni di contrasto, congruenti a quanto previsto nella pianificazione di emergenza comunale, per la salvaguardia della pubblica incolumità e la riduzione dei rischi» spiegano dalla Regione Lombardia. In particolare si evidenzia che le problematiche principali potrebbero riguardare difficoltà sulla viabilità, con anche il rischio caduta di rami e alberi «dove i quantitativi di neve risulteranno maggiori e più pesanti».

«L’ennesima perturbazione – concludono da 3bmeteo.com - dovrebbe raggiungere l’Italia nel prossimo weekend con occasione per nuovi piogge e rovesci specie domenica, prima della rimonta dell’anticiclone delle Azzorre, che poi porterà un graduale rialzo delle temperature».


© RIPRODUZIONE RISERVATA