Omicidio della vigilessa di Temù, oggi sarà interrogata la figlia 20enne

La svolta Già sentiti la sorella e il suo fidanzato, Mirto Milani, che ha confessato.

Omicidio della vigilessa di Temù, oggi sarà interrogata la figlia 20enne
Un fermo immagine tratto da un video dei carabinieri di Brescia, 24 settembre 2021

Dopo la confessione di Mirto Milani, che ha rotto il silenzio che durava da 8 mesi, sarà interrogata oggi (26 maggio) in carcere Paola Zani, la figlia più giovane, di 20 anni, dell’ex vigilessa di Temù (Brescia) Laura Ziliani, accusata dell’omicidio della madre, uccisa l’8 maggio 2021. La sorella Silvia, 28 anni, fidanzata di Milani e anche lei accusata del delitto, è stata invece interrogata, sempre in carcere, ieri sera tardi. I verbali sono stati secretati. La Procura di Venezia sta infatti indagando sui colleghi di Brescia per presunte fughe di notizie in merito proprio all’omicidio dopo la denuncia dell’avvocato dei tre indagati che sono stati arrestati il 24 settembre scorso e che, dopo la chiusura delle indagini, come loro diritto, hanno chiesto di essere interrogati.

L’interrogatorio di Milani, 4 ore con il pm

Mirto Milani, originario di Roncola San Bernardo, in oltre 4 ore di faccia faccia con il pm, martedì scorso, non avrebbe scaricato le responsabilità sulle sorelle Zani ma avrebbe ammesso che ad agire sarebbero stati tutti e tre insieme.Dalle indagini effettuate dopo l’arresto erano emersi elementi nuovi a carico di quello che gli inquirenti hanno definito «il trio criminale». Tra le novità - come riferito dal Giornale di Brescia - una fossa trovata a pochi metri di distanza dal luogo del ritrovamento del cadavere di Laura Ziliani l’8 agosto scorso e che, secondo gli inquirenti, era stata scavata per contenere in un primo tempo il cadavere della donna.

Leggi anche

© RIPRODUZIONE RISERVATA