Passerella sul lago, si sale gratis Chi paga le spese? Ci pensa Christo
Il progetto della passerella (Foto by www.christojeanneclaude.net)

Passerella sul lago, si sale gratis
Chi paga le spese? Ci pensa Christo

È Christo a sostenere totalmente i costi relativi alla realizzazione di The Floating Piers, che arriverà sul lago d’Iseo dal 18 giugno al 3 luglio. Niente finanziamenti e sponsor, Christo è convinto che «scendere a patti di tal genere potrebbe alterare o compromettere la sua arte».

La richiesta dei permessi, la costruzione, l’installazione e lo smontaggio del progetto, tutto sarà pagato con i proventi della vendita dei suoi studi preparatori e da altre opere degli anni 1950 e 1960. «Christo – si legge nella presentazione del progetto – non accetta nessun finanziamento o sponsorizzazione di nessun genere, come pure non accetta che i visitatori paghino il biglietto per accedere al progetto. Non sono ammesse collaborazioni a titolo gratuito (volontari). Non accetta denaro per materiale quali manifesti, cartoline, libri, filmati o prodotti analoghi. Assolutamente nulla».

Christo è fermamente convinto che «scendere a patti di tal genere potrebbe alterare o compromettere la sua arte». Rifiutare contributi in denaro gli consente di lavorare in totale libertà. Christo e Jeanne-Claude sono da sempre i mercanti d’arte di se stessi.

Christo non mette in vendita né cartoline, né manifesti o fotografie e non incassa i diritti d’autore sulla vendita di tale materiale. Christo non incassa i diritti d’autore né sui libri né sui filmati che riguardano i progetti suoi e di Jeanne-Claude. «Scopo primario di Christo e Jeanne-Claude è da sempre quello di creare opere d’arte magnifiche e gioiose senza far pagare i visitatori, e pertanto non serve nessun biglietto per vedere, accedere e godersi The Floating Piers. Il progetto è assolutamente gratuito».


© RIPRODUZIONE RISERVATA