Pennarelli ritirati dal mercato Scatenano allergie nei più piccoli
Pennarelli generici

Pennarelli ritirati dal mercato
Scatenano allergie nei più piccoli

Prodotti pericolosi: ritirati pennarelli «Giotto Turbo Scent » della Fila. Contengono fragranze allergizzanti. Lo segnala Rapex, il sistema europeo di allerta per i consumatori.

La presenza, sul mercato italiano, di pennarelli pericolosi è stato segnalato dal Rapex, il sistema europeo di allarme rapido per i prodotti pericolosi che periodicamente segnala ai vari Stati membri dell’Unione Europea quali beni necessitano di un ritiro immediato dal commercio. La segnalazione riguarda i pennarelli con inchiostri profumati in 8 differenti fragranze floreali chiamati «Giotto Turbo Scent » (codice a barre: 8000825424106 - Categoria: prodotti chimici). Le sostanze contenute nelle loro profumazioni sono in grado di scatenare allergie soprattutto nei più piccoli.

Nello specifico le penne contengono fragranze allergizzanti: geraniolo, linolool, alcool benzilico (misurato valori di 300 mg/kg, 340 mg/kg e 150 mg/kg rispettivamente). Non sono indicati nell’elenco degli ingredienti e i consumatori non sono informati della presenza di queste sostanze. In particolare Linolool può provocare sensibilizzazione e reazioni allergiche. Il prodotto non è conforme con i requisiti della direttiva sulla sicurezza del giocattolo. Le analisi, infatti, hanno evidenziato un livello superiore al valore-soglia raccomandato. Il prodotto non è, quindi, conforme al Regolamento REACH sui prodotti chimici e per questo è stato bandito e ritirato dal mercato.

Pennarelli multi olfattivi per disegni colorati e profumatissimi, osserva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ma dannosi alla salute soprattutto per i più piccoli, per le sostanze contenute nelle loro profumazioni che sono in grado di scatenare allergie. Il richiamo è seguito all’allarme evidenziato da un test di Que Choisir, associazione dei consumatori francese, che aveva allertato i genitori sul contenuto potenzialmente dannoso dei pennarelli.


© RIPRODUZIONE RISERVATA