Per la tutela del territorio 150 milioni  Ma la Bergamasca resta a bocca asciutta

Per la tutela del territorio 150 milioni
Ma la Bergamasca resta a bocca asciutta

Sono stati rese note dai ministeri dell’Interno e delle Finanze le graduatorie della prima annualità. Agli 88 Comuni che hanno presentato 213 progetti nessun contributo. «Premiati quelli in disavanzo».

Molti sindaci bergamaschi ieri sono rimasti senza parole nell’apprendere che i finanziamenti di un bando dei Ministeri dell’Interno e delle Finanze per la messa in sicurezza di edifici pubblici e di territori (150 milioni in totale) sono stati interamente assegnati a Comuni che possono «vantare» disavanzi di amministrazione anche molto elevati. Un’opportunità quella del bando, di cui avevano approfittato 88 Comuni bergamaschi presentando uno o più progetti, per un totale di 213 ipotesi progettuali. Tutti non finanziati, almeno per ora. La doccia fredda è arrivata con la pubblicazione delle graduatorie di merito che hanno premiato le amministrazioni con il maggior disavanzo, scatenando le reazioni dei sindaci orobici. Su L’Eco di Bergamo le dichiarazioni dei sindaci.

Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 18 aprile 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA