Pregiudicato licenziato come badante ruba anello da 50 mila euro: denunciato

Pregiudicato licenziato come badante
ruba anello da 50 mila euro: denunciato

La coppia di anziani, lui di 79 anni e lei di 77, lo aveva lasciato a casa dopo un periodo di prova di un mese. Quel cinquantenne aveva un modo di fare che a loro non piaceva e, anzi, li aveva insospettiti.

E ci avevano visto giusto: l’uomo, infatti, li ha derubati di un anello da 50 mila euro ma è stato denunciato dai carabinieri che sono riusciti nel giro di 24 ore a recuperare il gioiello. L’uomo, cinquantenne di Bergamo da pochi mesi trasferitosi a Piacenza, si era fatto assumere come badante dalla coppia, in virtù di una sola precedente esperienza lavorativa. In realtà è un pluripregiudicato - ma questo i due coniugi lo ignoravano - che ha più esperienza nella ricettazione che nella cura degli anziani e dei malati.

Il sospetto degli inquirenti è che il cinquantenne abbia convinto la coppia ad assumerlo, anche solo in prova, proprio per aggirarsi indisturbato nell’abitazione e rubare denaro e oggetti di valore. Dopo essere stato allontanato , il bergamasco ha continuato a frequentare la casa dei due coniugi con la scusa di salutare il marito, un medico in pensione con problemi di deambulazione. Aveva già studiato le abitudini della coppia e scoperto, ad esempio, che la moglie era solita togliersi l’anello d’oro bianco con un grosso diamante appoggiandolo sul comodino della camera da letto.

Né lei né il marito lo avevano visto rubare il prezioso anello, ma avevano ben fondati sospetti. Così il giorno dopo, domenica, il comandante della stazione e i suoi uomini sono andati a bussare alla porta dell’ex badante. Lui alla fine ha confessato: ha restituito l’anello ed è stato denunciato a piede libero per furto.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola martedì 19 luglio 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA