Quasi mille morti nella Bergamasca I sindaci: «Ma sono molti di più»
Un’ambulanza all’ospedale Papa Giovanni (Foto by Colleoni)

Quasi mille morti nella Bergamasca
I sindaci: «Ma sono molti di più»

Da Alzano a Nembro, da Dalmine a Stezzano, alla Bassa tutti, dati alla mano, smentiscono le cifre ufficiali sulle vittime.

La voce di molti sindaci bergamaschi trema nel pronunciare il bilancio di un mese che sembra una vita. Non «solo» numeri, ma persone. Amici, concittadini, a cui non è stato possibile nemmeno dire addio. Un capitale umano spazzato via in tre settimane o poco più. La dimensione del dolore sovrasta i dati ufficiali diffusi ogni giorno da Regione e Protezione civile: solo ieri 226 morti in Bergamasca, per un totale di 951. Numeri inattendibili, parziali, perché ormai la realtà è molto più drammatica dei freddi calcoli. Basta parlare con qualsiasi primo cittadino, dalle valli alla Bassa, per rendersi conto che senza un monitoraggio attraverso i tamponi le cifre contano poco.

Il sindaco di Bergamo Giorgio Gori ha lanciato l’allarme due giorni fa su L’Eco - «tutti noi sappiamo di persone anziane decedute in casa di riposo, oppure in casa, e a cui non è stato fatto il tampone» - e gli esperti lo hanno ascoltato. In città, dove ieri sono stati registrati 48 decessi, nelle ultime tre settimane sono morte circa 600 persone, ospedali compresi. «Abbiamo lanciato questo messaggio per dare una rappresentazione più realistica del problema gravissimo che stiamo affrontando - spiega Gori -. I dati sono la punta dell’iceberg. Vale per i contagi, i ricoveri e purtroppo anche per i decessi. Troppe vittime non vengono contemplate nei report perché muoiono a casa».

L’esercito trasporta le bare dei defunti dal cimitero monumentale di Bergamo

L’esercito trasporta le bare dei defunti dal cimitero monumentale di Bergamo

Alzano Lombardo e Nembro, il cuore bergamasco dell’emergenza, pagano un tributo enorme. Ad Alzano sono 62 i defunti dal 23 febbraio scorso. Un anno fa erano stati 9. A Nembro il sindaco Claudio Cancelli osserva con cauto ottimismo una flessione dopo giorni drammatici: «Il calo dei decessi è significativo, soprattutto rispetto al periodo dal 10 al 13 marzo. Dall’inizio del mese a Nembro abbiamo avuto tra i 110 e i 120 morti. Nello stesso periodo dello scorso anno 14. Basta questo per capire».

Ogni giorno il report inviato da Ats e dalla prefettura si scontra con la percezione diretta dei primi cittadini. «Certo, nel nostro caso i documenti ufficiali dicono che il coronavirus ha causato 9 morti - spiega il sindaco di Seriate Cristian Vezzoli - ma dall’inizio del mese il nostro ufficio anagrafe ne ha registrate circa 60. In assenza di tampone i medici scrivono “polmonite interstiziale” però i sintomi sono chiari e quindi i dati non sono realistici». Un bilancio tristemente simile a quello di altri grandi Comuni. A Treviglio dall’inizio del mese sono mancati 36 residenti e 68 malati in ospedale. Nella vicina Caravaggio 50 contro una media di 6 negli anni precedenti. Solo 2 «ufficiali» per Covid-19.

Il centro di Nembro

Il centro di Nembro

A Dalmine sono 70 le persone decedute, di cui 2 ufficialmente per coronavirus. Un anno fa erano state 18. «Un disastro - commenta il sindaco Francesco Bramani - e anche sui contagiati non abbiamo certezze perché ogni giorno ci viene detto qualcosa di diverso con oscillazioni incomprensibili».

«Stiamo perdendo una generazione di volontari e di gente che ha fatto la storia del nostro paese - è l’amara constatazione di Simone Tangorra, sindaco di Stezzano dove a marzo sono morte 40 persone, quasi tutte con sintomi compatibili con il coronavirus, contro le 10 di un anno fa -. È un fenomeno molto esteso, che purtroppo coinvolge anche 50 e 60enni».

In Valle Brembana, a San Giovanni Bianco, 30 morti nelle ultime due settimane di cui solo 4 ufficiali per coronavirus. A San Pellegrino 23. A Selvino sono 20. «Gli stessi che abbiamo avuto in un anno e mezzo - spiega il sindaco Diego Bertocchi -. Speriamo che la curva si inverta presto».

Gianluca Sala, primo cittadino di Terno d’Isola, invoca chiarezza «perché non possiamo vigilare su persone che dovrebbero stare in quarantena e non gli viene nemmeno comunicato. Per fortuna abbiamo cittadini responsabili, che si stanno autoregolando benissimo. Qui a Terno sono morte 12 persone. L’anno scorso a marzo solo una». Bagnatica, come tanti altri Comuni, a emergenza finita - presto, si spera - organizzerà un momento per ricordare i defunti. «È davvero dura - spiega il sindaco Roberto Scarpellini -. Dal 27 febbraio abbiamo avuto 16 persone decedute, di cui ufficialmente 3 per Covid-19, ma anche gli altri con sintomi molto chiari. In tutto il 2019 i decessi sono stati 28».

Numeri che tornano anche a Calcinate, Comune guidato dal presidente della Provincia Gianfranco Gafforelli. Sono morte 18 persone, contro le 3 del marzo 2019. A Martinengo invece l’ufficio anagrafe ha registrato 53 decessi. «Ma delle cifre non voglio saperne nulla, erano persone, miei concittadini - commenta con amarezza il sindaco Mario Seghezzi -. Dobbiamo chiudere tutto. Subito».


© RIPRODUZIONE RISERVATA