Quelle scale del liceo Sarpi... - Video I ricordi di Moltrasio e Rodeschini

Quelle scale del liceo Sarpi... - Video
I ricordi di Moltrasio e Rodeschini

Venerdì 17 la cena a sostegno del progetto di Museo nel liceo. Acquistate il coupon su Kauppa e partecipate alla raccolta fondi su Kendoo.

Una scuola, sì, ma anche di vita. Con professori severi ma giusti, esigenti ma capaci di dare prima ancora che di chiedere. Il Sarpi ha formato generazioni intere di bergamaschi che sono andati a ricoprire ruoli di responsabilità in ambito politico, economico, sociale e culturale. Quel liceo classico abbarbicato lassù in Città Alta ha lasciato il segno in molti. Se hai «fatto il liceo» qui, quasi certamente te la ricordi ancora… La sensazione provata vedendo per la prima volta quella facciata imponente, e forse un po’ inquietante agli occhi di un ginnasiale, stagliarsi in fondo a Piazza Rosate dopo aver voltato dal vicolo che sale dalle Mura. Se invece non sei stato uno studente del Sarpi, ne avrai comunque sentito parlare e potresti volerci entrare almeno una volta, per visitarne i corridoi, le aule e la magnifica terrazza.

Lo potrete fare venerdì 17, partecipando alla cena di gala per finanziare il progetto Musli, ovvero Museo al Liceo. Acquistando il coupon di questa offerta si potrà infatti prendere parte a una serata che vedrà due momenti fondamentali. Una visita guidata e una cena di gala realizzata sulla mitica terrazza.Tre i coupon acquistabili su Kauppa: 39, 69 e 99 euro. Nel primo caso il 20% andrà al progetto Musli, nel secondo il 40 e nel terzo il 60%. In tutti e tre i casi sono previsti omaggi a crescere: dalla spilletta con il logo del progetto, al segnalibro fino al libro «I quaderni del Sarpi».

Ecco i ricordi di due sarpini doc. Cominciamo da Andrea Moltrasio, presidente del Consiglio di sorveglianza di Ubi Banca.

E poi Maria Cristina Rodeschini, direttrice della Gamec, la Galleria d’arte moderna e contemporanea.

Dalle loro parole si capisce anche l’importanza di un progetto come «Musli», il Museo nel Liceo che sarà realizzato anche grazie alle donazioni giunte dal portale di crowdfunding Kendoo.it . Un progetto che nasce dalla volontà di valorizzare e rendere visibile ad un pubblico ampio l’importante patrimonio del Sarpi, rappresentato innanzitutto dalla struttura architettonica con le sue stratificazioni storiche successive, e dal patrimonio librario, scientifico e strumentale contenuto al suo interno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA