Raffica di scioperi dai trasporti alle scuole Sarà un 8 marzo a rischio caos

Raffica di scioperi dai trasporti alle scuole
Sarà un 8 marzo a rischio caos

Disagi in vista e non solo per la raffica di scioperi che coincidono con le manifestazioni per la festa della donna. Scuola, sanità e trasporti sono a rischio caos per lo sciopero generale proclamato dall’Usb. Ma alle agitazioni promosse dai sindacati di base si aggiungono, anche se solo in alcuni casi, quelle delle sigle confederali.

Sul fronte del trasporto pubblico locale, saranno a rischio autobus, metropolitane e taxi (eccezion fatta per le fasce di garanzia) in tutta Italia. C’è però una buona notizia per i passeggeri di Atb e Teb, il cui servizio di autobus e tram delle valli sarà regolare poiché nessuna delle sigle sindacali presenti nelle aziende prenderà parte allo sciopero

Per quanto riguarda invece i treni, circoleranno regolarmente le Frecce di Trenitalia, mentre i treni regionali, il cui sciopero è iniziato a mezzanotte, viaggeranno a singhiozzo. Saranno comunque garantiti i servizi essenziali tra le 6 e le 9 e tra le 18 e le 21. Tuttavia, potranno esserci modifiche rispetto al programma, per questo Trenord ha comunicato sul suo sito l’elenco dei convogli garantiti, «la cui partenza da orario ufficiale – specifica l’azienda – è prevista dopo le 6 e l’arrivo a destinazione finale entro le 9 del mattino». Per i treni della fascia serale, circoleranno di sicuro quelli in partenza dopo le 18.

TRASPORTO AEREO
Dalle 13 alle 17 è in programma lo sciopero dei controllori di volo aderenti a Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl-Ta e Unica. I lavoratori dell’Enav incroceranno le braccia per un periodo più lungo, 8 ore dalle 10 alle 18, all’aeroporto di Roma-Fiumicino se facenti capo a Ugl-Ta e Unica. Proprio per l’agitazione dell’Enav, Alitalia ha già annunciato delle cancellazioni, assicurando però la ’ricoperturà in giornata per il 75% dei passeggeri coinvolti.Gli aeroporti romani di Fiumicino e Ciampino saranno interessati anche dallo stop di 24 ore dei dipendenti della società di handling Aviation Services aderenti a Fit-Cisl e Ugl-Ta.

Qualche disagio potrà verificarsi dunque anche all’aeroporto di Orio al Serio tra le 13 e le 17. La Sacbo, società che gestisce lo scalo, ha allertato i passeggeri in partenza con un avviso sul sito internet, invitandoli a contattare la compagnia aerea di riferimento per aggiornamenti sulla operatività dei voli e sulle eventuali opportunità di riprotezione.

TRASPORTO FERROVIARIO
Usb, Cobas e Usi hanno indetto uno stop di tutti i lavoratori del comparto per l’intera giornata (da mezzanotte alle 21.00), l’Orsa dei macchinisti dalle 9 alle 16 e i Cub dei lavoratori dei trasporti per gli appalti di numerose cooperative. Trenitalia ha assicurato che le Frecce circoleranno regolarmente, così come i treni di collegamento fra Roma Termini e l’aeroporto di Fiumicino. Per i treni regionali sono garantiti i servizi essenziali nelle fasce orarie più frequentate dai pendolari (6.00-9.00 e 18.00-21.00).

TRASPORTO PUBBLICO LOCALE
Il comparto è interessato dallo sciopero generale nazionale proclamato dall’Usb per tutti i servizi pubblici e privati: bus e metro saranno quindi a rischio con modalità diverse da città a città e con le fasce di garanzia previste. Fermi dalle 8 alle 22 anche i taxi che aderiscono alla sigla di base, mentre saranno regolari quelli che fanno capo a Fit-Cisl taxi, Uiltrasporti taxi, Ugl taxi e Fertaxi Cisal. A Roma Atac e Roma Tpl saranno in sciopero dalle 8.30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio. A Milano, Atm rispetterà la fascia di garanzia 15-18, mentre Trenord garantirà le corse negli orari 6-9 e 18-21.

SCUOLA E SANITÀ
Lo sciopero indetto da Slai Cobas, Usi, Usi-Ait, Usb, con l’adesione anche del sindacato di comparto Usi Surf, riguarda le scuole di ogni ordine e grado e gli uffici pubblici e privati. Anche il Cub sanità e i Cobas sanità, università e ricerca hanno proclamato una protesta con astensione per l’intero turno mentre nella Capitale, per iniziativa delle rappresentanze sindacali unitarie, si fermeranno i lavoratori dei servizi anagrafici e a proclamare un’astensione di 24 ore anche i Cub di tessili ed edili.


© RIPRODUZIONE RISERVATA