«Rafforzare principio di legittima difesa E diffondere l’uso di armi non letali»

«Rafforzare principio di legittima difesa
E diffondere l’uso di armi non letali»

«La cronaca degli ultimi giorni ci conferma quanto sia alta l’esposizione dei cittadini alla criminalità cosiddetta “comune”, che è poi quella che incide in maniera diretta e continua sulla vita quotidiana».

Lo sottolinea Gregorio Fontana, deputato bergamasco di Forza Italia, che continua così: «È appena di qualche giorno fa l’ennesimo episodio di un violento tentativo di rapina in un appartamento, risoltosi in maniera drammatica, con la morte di uno dei rapinatori, per mano del proprietario, costretto a ricorrere all’uso delle armi per difendere la propria famiglia da gravissime minacce di aggressione e persino di tortura».

«Per affrontare questi problemi è necessario procedere simultaneamente su due fronti: rafforzare il principio di legittima difesa, in caso di violazione di domicilio; dare ai cittadini la possibilità di tenere in casa e di utilizzare armi non letali, come ad esempio la pistola Taser. Sul primo punto, ho presentato, insieme alla collega Gelmini, a nome di Forza Italia una proposta di legge, che, intervenendo sul Codice penale, si rafforza la protezione giuridica per il cittadino che, aggredito nella propria intimità domestica, ricorre alle armi per contrastare gli aggressori».

«Troppo volte, infatti, chi si difende dalla violenza si trova collocato sul banco degli accusati, per “eccesso” di legittima difesa. Sull’introduzione delle armi non letali, il Governo deve procedere con celerità per far sì che le armi non letali siano presto in dotazione delle forze dell’ordine, ma anche definire al più presto la normativa di competenza che consenta ai cittadini di utilizzarle legittimamente, in alternativa alle armi da fuoco, per difendersi da aggressioni a se stessi, ai propri cari e ai propri beni. In questo modo, si contribuirebbe a ridurre drasticamente il numero delle vittime nelle operazioni di polizia o nelle azioni di legittima difesa».


© RIPRODUZIONE RISERVATA