Ragazzina trapiantata colpita da morbillo Fu operata due volte a Bergamo

Ragazzina trapiantata colpita da morbillo
Fu operata due volte a Bergamo

Nuovo caso di morbillo per una ragazzina di 14 anni in Emilia Romagna: le sue condizioni non sono gravi ma resta in isolamento

Una ragazzina di 14 anni, trapiantata di fegato, è stata colpita da morbillo: le sue condizioni non sono gravi ma la giovane paziente è ricoverata in isolamento del reparto di pediatria dell’Ospedale di Rimini, mentre l’Unità operativa di rianimazione è in allerta. Il caso è riportato dall’edizione riminese de «Il Resto del Carlino». L’Ausl Romagna precisa che le condizioni della paziente sono in miglioramento.

L’adolescente ha subito due operazioni all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo per il trapianto dell’organo, una quando aveva un anno di vita e l’altra un anno dopo. Al Pronto soccorso riminese è arrivata con febbre molto alta e le prime manifestazioni cutanee della malattia, poi confermata da analisi. Subito è scattato il ricovero nel reparto di Pediatria, in isolamento, mentre il Dipartimento di Salute pubblica dell’Ausl Romagna ha avviato un’indagine epidemiologica tra familiari, parenti, amici e anche in ambito scolastico e nel giro sportivo per risalire all’origine dell’infezione.

«L’impiego su larga scala delle vaccinazioni pediatriche», ricorda Raffaella Angelini, direttore del Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Ausl Romagna, «è mirato principalmente alla protezione individuale di coloro che le effettuano», ma «la pratica vaccinale ha anche lo scopo di proteggere coloro che, a seguito di problemi di salute, non possono effettuare le vaccinazioni: infatti se la percentuale di popolazione vaccinata supera il 95%, valore cosiddetto della “immunità di gregge”, le persone che non possono vaccinarsi, ad esempio per grave immunodepressione, non corrono ugualmente il rischio di ammalarsi».

«In virtù delle recenti normative nazionali e regionali sull’obbligo vaccinale – aggiunge la dottoressa – in tutti i territori della Romagna la percentuale di copertura vaccinale è aumentata in maniera significativa. Questo è accaduto anche a Rimini, dove anzi l’incremento delle coperture è stato tra i più significativi. Ciò nonostante, a causa dei livelli pregressi estremamente bassi, la media del territorio provinciale riminese non ha ancora raggiunto la soglia del 95%, che sarebbe molto importante per proteggere le persone immunodepresse», come la ragazzina trapiantata colpita da morbillo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA