Riccione unita nel turismo  a Bergamo  «Idea di rimborsare la Freccia orobica»
Renata Tosi, sindaco di Riccione, in piazza Vecchia con il collega Giorgio Gori

Riccione unita nel turismo a Bergamo

«Idea di rimborsare la Freccia orobica»

Il sindaco Renata Tosi in visita per ispirarsi alle iniziative dei Maestri del Paesaggio parla del treno per la Riviera: «Puntiamo ad accordi per farlo rimborsare in hotel».

Biglietto della Freccia orobica rimborsato dall’albergatore una volta arrivati al mare? Il sindaco di Riccione, Renata Tosi, ci sta pensando, e ha già buttato lì l’idea alla società Tper (Trasporto Passeggeri Emilia Romagna), che gestisce il servizio. In autunno è previsto un incontro per capire l’attuabilità del progetto. «Con Trenitalia - spiega Tosi, area centrodestra, che ieri era a Bergamo in visita ai Maestri del Paesaggio - abbiamo già un accordo di questo tipo» . Si tratta di «Al mare in treno»: per soggiorni di una certa durata, l’hotel rimborsa il biglietto ferroviario al turista che ha scelto il Frecciarossa per arrivare nei luoghi di vacanza. «Ci piacerebbe pensare qualcosa del genere con la Freccia Orobica: un incentivo anche a una vacanza “ecologica”. Credo che già il viaggio debba essere un momento gradevole per chi va in vacanza: col tempo, mi piacerebbe pensare anche ad animatori in carrozza, che diano informazioni sugli eventi previsti in Riviera».

I vacanzieri bergamaschi sono indubbiamente tra quelli da coccolare, per una realtà come Riccione (36 mila abitanti, ma con le presenze estive si arriva a 200 mila) che ha lo zoccolo duro del suo turismo proprio tra i lombardi.

Tosi, tuttavia, è arrivata a Bergamo soprattutto per toccare con mano un’iniziativa di richiamo del nostro territorio: i Maestri del Paesaggio. «Da due anni, coloriamo di verde il centro di Riccione con il “Green Park” (che prevede la posa di un grande prato sintetico nelle zone dello shopping, con tanto di aree golf e cani, ndr). La nostra iniziativa ha un carattere ludico, ma in futuro vorremmo soffermarci, come accade qui, anche sugli aspetti del paesaggio e della sua valorizzazione. Un tema che, ne sono convinta, per il nostro Paese può davvero fare la differenza».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 18 settembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA