Sardegna, muore travolto da cisterna  L’operaio lavorava per una ditta orobica

Sardegna, muore travolto da cisterna
L’operaio lavorava per una ditta orobica

Era dipendente di una ditta bergamasca, l’operaio romeno di 39 anni, residente a Siracusa, deceduto lunedì mentre lavorava all’interno della Portovesme Srl, nel Comune di Portoscuso, nel Sulcis Iglesiente. Lo riferisce Ansa in un’agenzia stampa.

Le generalità della vittima non sono state ancora fornite. I carabinieri della Compagnia di Iglesias e della Stazione di Portoscuso, con la collaborazione dello Spresal, stanno lavorando per ricostruire la dinamica della tragedia. La vittima stava coordinando a terra lo spostamento di una cisterna. Doveva essere posizionata sopra un’altra, un’operazione già fatta altre volte. Il collega addetto al muletto avrebbe sollevato la cisterna, iniziando a muoverla. Non si sa, a quel punto, cosa posa essere avvenuto; sta di fatto che la cisterna ha urtato il 39enne, spingendolo contro un camion e schiacciandolo.

Gli altri operai hanno subito fatto scattare l’allarme. Quando i medici che lavorano all’interno della Portovesme sono arrivati sul posto, per l’operaio non c’era più nulla da fare. Il muletto e il camion sono stati sequestrati per i successivi accertamenti, come è stata resa off-limits l’area in cui è avvenuta la tragedia.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 12 settembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA