Sciare in sicurezza è possibile Ecco le regole da rispettare

Sciare in sicurezza è possibile
Ecco le regole da rispettare

La stagione sciistica è partita e, a piste aperte, si registrano cadute accidentali, scontri fra persone e urti contro ostacoli, per questo motivo risulta fondamentale ridurre questa tipologia di incidenti tenendo ben presente le disposizioni normative vigenti unitamente ai richiami alla prudenza e al buon senso.

Dal 2003 il legislatore ha varato norme dedicate per regolare sia l’attività dei gestori delle aree sciabili attrezzate sia l’utilizzo di questi spazi da parte di tutti gli utenti, con precisi obblighi e doveri e con l’introduzione di specifiche sanzioni per le eventuali violazioni. «Fra le principali prescrizioni per gli sciatori – sottolinea Pietro Imbrogno, direttore del Dipartimento di Igiene e prevenzione sanitaria dell’Ats Bergamo - l’obbligo di tenere una velocità e un comportamento adeguati alla propria capacità, modulando l’andatura alle condizioni generali della pista, alla libera visuale, al tempo e all’intensità del traffico. Importante il rispetto delle regole di precedenza, come l’obbligo di non intralciare la traiettoria di chi scia più a valle, sorpassando altri utenti senza creare disturbo o prestare soccorso in caso di infortuni. Fondamentale evitare itinerari pericolosi e a rischio anche se si è attrezzati e consultare, sempre, le condizioni metereologi. È, quindi, assolutamente necessario evitare di sfidare situazioni di pericolo già segnalate: tutti devono rispettare la segnaletica prevista dotandosi di un’attrezzatura adeguata e ben funzionante».

Un quadro completo per frequentare in sicurezza le piste e la montagna viene offerto sia dalla Polizia di Stato, che garantisce supporto e soccorso per tutta la stagione invernale, sia dal manuale «Neve in pista…casco in testa» dell’Ente Italiano di Normazione che riassume le principali regole cui lo sciatore si deve attenere:

1) Preparate in anticipo il vostro itinerario consultando cartine e guide turistiche.

2) Consultate i bollettini nivo-meteorologici

3) Scegliete un itinerario che tenga conto della vostra capacità e dello stato di allenamento.

4) Accertatevi di saper usare l’attrezzatura e non dimenticate un set di pronto soccorso.

5) Se scegliete di partire da soli portate con voi un telefono o una radio ricetrasmittente.

6) Durante l’escursione seguite attentamente le indicazioni e la segnaletica del vostro itinerario.

7) Se le condizioni meteorologiche dovessero peggiorare poco dopo l’inizio dell’escursione ritornate velocemente al punto di partenza del vostro itinerario

8) Equipaggiatevi per proteggervi dal freddo e dai raggi solari: scarponi, giacca a vento, guanti, berretto, occhiali da sole e creme solari siano adeguati

9) In caso di incidente chiamate subito il «118»

Ulteriori approfondimenti sono disponibili sul sito dell’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo www.ats-bg.it.


© RIPRODUZIONE RISERVATA