Sciopero venerdì 25 novembre Disagi per sanità e trasporti

Sciopero venerdì 25 novembre
Disagi per sanità e trasporti

Problemi per treni e bus (ma non Atb) da mezzanotte di giovedì alle 21 di venerdì. Prestazioni ridotte e a rischio all’ospedale «Papa Giovanni XXIII».

Dalla mezzanotte di giovedì 24 novembre alle 21 di venerdì 25 novembre, le organizzazioni sindacali: Cub Trasporti; Sgb Sindacato Generale di Base; l’Usb Lavoro Privato Trasporti e il Cat Coordinamento autorganizzato trasporti hanno proclamato uno sciopero nazionale che coinvolge il settore del trasporto All’agitazione sindacale potrà aderire il personale appartenente al Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane e Trenord, pertanto i treni regionali, suburbani e la lunga percorrenza di Trenord potranno subire ritardi, variazioni e/o cancellazioni.

Sono previste fasce orarie di garanzia, dalle 6 alle 9 e dalle 18 alle 21 durante le quali viaggeranno i treni inseriti nella lista dei servizi minimi garantiti a cui partenza è prevista dopo le ore 6 e l’arrivo a destinazione finale entro le ore 9 e quelli inseriti nella lista dei servizi minimi garantiti la cui partenza è prevista dopo le 18. Lo sciopero coinvolge anche Trenitalia e Italo.

Atb comunica invece che venerdì 25 novembre si potrebbero verificare disagi sulle corse delle linee 7, 9 e 10 effettuate da Sab. Il servizio verrà garantito nelle fasce dalle ore 6.30 alle 8.30 e dalle ore 12.30 alle 16. Le corse delle altre linee della rete Atb e Teb verranno effettuate regolarmente.

Possibili disagi anche per la sanità: L’Asst «Papa Giovanni XXIII»assicura agli utenti l’erogazione delle cure e dei servizi essenziali, ma segnala il rischio di possibili disagi e rallentamenti nelle prestazioni. In particolare il Centro prelievi dell’Ospedale di Bergamo assicurerà solo le seguenti prestazioni: esami urgenti attestati dal medico richiedente, tempo di protrombina per pazienti in terapia anticoagulante, esami per monitoraggio della terapia antiblastica, prelievi domiciliari già eseguiti, esami già preaccettati, esami di sierologia infettivologica (su impegnativa separata), esami cito-istologici e microbiologici (su impegnativa separata), pap test, tamponi vaginali e spermiogrammi già prenotati e le prestazioni programmate per Day Service e Ambulatori dell’Azienda (compresi Tao).

Il Cup centrale dell’Ospedale «Papa Giovanni XXIII» garantirà l’accettazione dei ricoveri e delle prestazioni ambulatoriali e la prenotazione di prestazioni urgenti o urgenti differite. Potrebbero però venire sospesi i seguenti servizi: rilascio credenziali per l’accesso al Fascicolo sanitario elettronico, emissione fatture, richiesta copia cartelle, call center prenotazioni, comprese quelle in libera professione e solvenza, prenotazione ambulatoriali (anche in libera professione e solvenza) e consegna referti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA