Bergamo, il Giubileo è iniziato «Apriamo la Porta e il cuore» - Video
Il vescovo apre la Porta della Misericordia (Foto by Colleoni)

Bergamo, il Giubileo è iniziato
«Apriamo la Porta e il cuore» - Video

Domenica 13 dicembre in Città Alta il vescovo Francesco Beschi ha aperto la Porta della Misericordia e presieduto la solenne celebrazione per l’inizio del Giubileo straordinario della Misericordia nella diocesi di Bergamo. Papa Francesco ha voluto che in questo Anno Santo, per la prima volta nella storia, la Porta Santa non fosse aperta solo nella Basilica di San Pietro in Vaticano e nelle Basiliche Patriarcali di Roma ma in ogni diocesi del mondo. Ecco l’elenco delle chiese giubilari di Bergamo.

«La Chiesa, l’umanità, ciascuno di noi ha bisogno di Misericordia – ha spiegato il vescovo durante l’omelia – . Questa Porta resterà aperta tutto l’anno e vorremmo che restasse aperta per tutta la vita». «Il regno della Misericordia – ha aggiunto – è il regno del perdono, Dio non si stanca mai di perdonare. La tentazione di non avere bisogno della Misericordia ci accompagna costantemente, essere qui in tanti oggi ci aiuti a vincere questa tentazione».

La celebrazione è iniziata nella basilica di Santa Maria Maggiore, con la processione attraverso via Lupo, via Colleoni e Piazza Vecchia. Dal Battistero il vescovo ha raggiunto la Porta della Misericordia, l’ha aperta solennemente ed è entrato per primo, seguito dai vescovi concelebranti, i vicari locali che rappresentano le chiese giubilari sparse in diocesi (nell’inserto La Domenica in edicola il 13 dicembre con L’Eco di Bergamo, a pagina 46 e 47, c’è la mappa completa), i sacerdoti confessori, i rappresentanti di alcune realtà del disagio, della povertà e della sofferenza, quindi i fedeli.

Come Porta della Misericordia è stato scelto l’ingresso sul lato destro della Cattedrale. La struttura della porta, localizzata in uno spazio esterno più protetto dai rumori rispetto alla piazza e con una bussola d’ingresso, come pure la presenza di una pedana di accesso facilitato per disabili e anziani, sono alcuni dei motivi alla base di tale scelta. Alcuni pannelli segnano il percorso della celebrazione giubilare, che sarà il medesimo suggerito ai pellegrini per tutto l’Anno Santo. Un sussidio cartaceo è a disposizione per il passaggio dalla Porta della Misericordia e la visita alla Cattedrale per ricevere l’indulgenza.

In occasione dell’apertura della Porta della Misericordia Poste Italiane ha concesso uno speciale annullo postale che è stato possibile ottenere presso la Curia vescovile questa mattina dalle 9,30 alle 12,30. Papa Francesco ha concesso l’indulgenza per i malati e gli anziani che assistono con devozione alla celebrazione dalle loro case. La cerimonia è stata trasmessa in diretta su Bergamo Tv e sul nostro sito.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 14 dicembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA