Si sbloccano i lavori all’ex faunistico Ecco come sarà il nuovo parcheggio

Si sbloccano i lavori all’ex faunistico
Ecco come sarà il nuovo parcheggio

Sta per sbloccarsi, dopo nove anni di abbandono, il cantiere del parcheggio di via Fara. Il Comune di Bergamo ha realizzato un video che mostra come sarà il nuovo parcheggio e quale impatto avrà sulla mobilità di Città Alta, dopo le modifiche alla convenzione (siglata nel 2004 dalla Giunta Veneziani e confermata dalle Amministrazioni successive Bruni e Tentorio) che il Consiglio Comunale ha votato nello scorso ottobre.

Il progetto è contestato da un gruppo di cittadini che si è riunito sotto il nome di #Noparkingfara. Nelle ultime settimane sono state raccolte migliaia di firme per chiedere all’amministrazione di non realizzare il parcheggio, è stato presentato un esposto in procura ed è stata lanciata una campagna comunicativa sui social per fare luce sulle tappe che hanno portato al cantiere, iniziato quasi dieci anni fa. «Nelle ultime settimane si è parlato a lungo della ripresa dei lavori – si legge nella nota stampa inviata dal Comune -, paventando la realizzazione di un “ecomostro”, di un “condominio di nove piani” che avrebbe deturpato il campo della Fara. Niente di tutto questo, semplicemente la realizzazione di un parcheggio completamente interrato nel punto in cui furono avviati i lavori - interrotti da una frana per difforme esecuzione del progetto - una dozzina di anni fa. Nel video si mostrano l’ingresso del futuro parcheggio, il percorso pedonale nel verde che sarà realizzato sulla collina a lavori ultimati – il percorso consentirà di salire a piazza Mercato del Fieno – e l’ascensore interno che collegherà il parcheggio con piazza Mercato del Fieno; ma si può soprattutto comprendere il ruolo che il parcheggio avrà rispetto alla mobilità di Bergamo Alta, migliorandone l’accessibilità e nel frattempo consentendo di liberare piazza Cittadella e piazza Angelini dalle auto, spostando i posti per i residenti in Colle Aperto e in piazza Mercato del Fieno».

© RIPRODUZIONE RISERVATA