Sicurezza, non tutte le chiavi sono uguali «A coda di rondine la più sicura»

Sicurezza, non tutte le chiavi sono uguali
«A coda di rondine la più sicura»

Il questore vicario: installate allarmi rumorosi e wireless. «Sorprendete un ladro? Assecondatelo: meglio un furto di un’aggressione»

Non tutte le chiavi e le serrature sono uguali. E, a seconda della tipologia di protezione che si vuol dare a un locale, è bene adeguarsi e installare le tecnologie più innovative. La chiave in assoluto più sicura è quella cosiddetta «a coda di rondine»: presenta infatti una triplice scanalatura non copiabile e appunto una doppia punta (da cui il nome). «Con questo tipo di chiave i ladri non riescono a effettuare forzature né possono fare calchi in cera per duplicarle», spiega il questore vicario, Edgardo Giobbi. Tra le chiavi più vulnerabili ci sono invece la classica seghettata e l’altrettanto classica a doppia mappa: con dei comuni grimaldelli queste serrature possono essere facilmente aperte.

Più complesse da scassinare, invece, le chiavi con il «cilindro europeo». Si va da quelle semplici a quelle complesse: queste ultime hanno una doppia o tripla scanalatura e arrivano a costare circa 140 euro. Garantiscono quasi la stessa sicurezza di quelle a coda di rondine, il cui costo si aggira però attorno alle 250 euro, in media. «L’importante è comunque che il cilindro sia sempre dotato di defender antistrappo – spiega Giobbi –, per evitare che il ladro trapani la serratura e strappi fisicamente l’intero cilindro». Un sistema di difesa e prevenzione ulteriore dei furti il cui costo si aggira attorno ai 100 euro.


La mappa dei furti in provincia e altri consigli di sicurezza a 0.99 euro sulla copia digitale del 20 marzo

© RIPRODUZIONE RISERVATA