Sicurezza: presidio anche in Malpensata E 21 telecamere installate entro Natale
Il presidio di giovedì sera in via Mozart (Foto by Nadia Giavazzi)

Sicurezza: presidio anche in Malpensata
E 21 telecamere installate entro Natale

Dopo via Bonomelli, la Malpensata. Giovedì sera 6 ottobre è partito il presidio dei vigili in via Mozart che da qualche tempo vive grossi problemi di bivacco.

Palafrizzoni ha individuato le situazioni più critiche nei quartieri che devono essere affrontate con «interventi radicali». «Così sfatiamo il mito che ci occupiamo solo del centro e di Città Alta» afferma l’assessore alla Sicurezza Sergio Gandi che ha stilato un piccolo elenco di criticità fuori dal centro: atti vandalici e giri loschi alla Clementina - «I residenti hanno scritto al sindaco, li incontreremo presto» annuncia -, le occupazioni abusive a Boccaleone - «Abbiamo risolto i problemi dei senza fissa dimora sotto il viadotto, ma non nell’ex convento delle Clarisse» -, via Magrini («Nel parchetto ci sono ancora presenze indebite»), la movida in Borgo Santa Caterina («Faremo una verifica a un anno dall’entrata in vigore del regolamento» chiosa) e via Mozart appunto, dove la polizia locale stazionerà quattro sere a settimane (per ora), dalle 20 alle 24.

«Ho scelto cinque casi critici nei quartieri, tralasciando il centro dove le situazioni sono ben note: piazzale Alpini, via Quarenghi, via Bonomelli, via Paglia...» rileva Gandi, che ha chiuso l’altra sera al Polaresco l’ultimo dei sette incontri sulla sicurezza organizzati nei quartieri e giudicati «costruttivi» dall’assessore. «Nessuno meglio dei residenti e di chi abita quotidianamente le strade, le piazze, i parchi della città - spiega il vicesindaco - è in grado di raccontarci le criticità della zona in cui vive e se gli interventi fatti finora hanno sortito effetti».

Ventuno telecamere saranno installate entro Natale nelle «zone sensibili», dalla Clementina a Boccaleone, da Daste e Spalenga all’«incrocio dello spaccio» tra le vie Quarenghi e via Paleocapa. Nei primi mesi del 2017 si provvederà poi all’aggiornamento degli impianti già presenti in città. E novità potrebbero esserci anche sul fronte delle assunzioni.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola venerdì 7 ottobre 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA