Smog, multate auto ma anche negozi In otto tenevano le porte aperte

Smog, multate auto ma anche negozi
In otto tenevano le porte aperte

Sanzionati non solo gli autoveicoli ma anche 8 negozi che tenevano le porte aperte e il riscaldamento acceso. Siamo a nove giorni consecutivi di sforamento dei limiti. Un aiuto potrebbe arrivare dal meteo.

Sabato 25 febbraio secondo giorno di limitazioni per contrastare lo smog e fioccano le multe della polizia locale di Bergamo. A differenza di venerdì, giorno in cui sono state comminate 15 multe ai veicoli, sabato le pattuglie dei vigili hanno sanzionato anche otto negozi che tenevano il riscaldamento acceso e le porte aperte, in violazione delle disposizioni della normativa regionale. In particolare sono stati multati per 100 euro quattro negozi in via Tiraboschi, tre in via XX Settembre e uno in piazza Matteotti. Complessivamente sono stati controllati 110 veicoli: al mattino in via Frizzoni sono state fermate due auto classe Euro 3 (multa di 164 euro per non aver rispettato l’ordinanza del sindaco) e al pomeriggio in via Grumello una che non ha rispettato la legge regionale (multa di 150 euro). Fermati anche otto veicoli che non avevano la classe per poter circolare ma, essendo in car pooling, non sono stati sanzionati.

Restano in vigore le limitazioni imposte dal protocollo regionale antismog, cioè il divieto di circolazione dei veicoli Euro 3 diesel dalle ore 9 alle 17 (dalle ore 7.30 alle 9.30 per i veicoli commerciali diesel Euro 3), divieto di circolazione dei veicoli Euro 0 benzina ed Euro 0, 1 e 2 diesel anche nelle giornate di sabato, domenica e giorni festivi dalle ore 7.30 alle 19.30. Proibito, inoltre, per tutti i veicoli sostare con il motore acceso. E ancora stop alle stufe con rendimento inferiore alla classe 3 stelle, divieto assoluto di combustioni all’aperto e di spandimento di liquami zootecnici in agricoltura e introduzione del limite a 19 gradi (con tolleranza di 2 gradi) delle temperature medie degli edifici.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 26 febbraio

© RIPRODUZIONE RISERVATA