«Sosteniamo le famiglie bergamasche Stop alla Tari e dimezzamento dell’Irpef»

«Sosteniamo le famiglie bergamasche
Stop alla Tari e dimezzamento dell’Irpef»

Se il bonus per le neomamme sembra essere bloccato, ecco un’altra proposta che potrebbe dare un sostegno alle famiglie bergamasche. L’ha firmata il consigliere comunale di Forza Italia Stefano Benigni.

L’azzurro propone l’abolizione della Tari e il dimezzamento dell’addizionale Irpef. Una misura che, secondo il consigliere, dovrebbe incidere di circa 400 euro all’anno per famiglia: «È necessario combattere l’instabilità sociale ed economica che condiziona anche la qualità della vita e più in generale del benessere della famiglia – continua Benigni –. Anche per effetto delle condizioni di incertezza e precarietà lavorativa si sceglie infatti di procrastinare la maternità. Per questo è importante alleggerire l’onere economico relativo alle addizionali comunali». A sostegno della sua proposta, il consigliere di Forza Italia porta gli indici di natalità della popolazione residente (dati Istat) che indicano, per i cittadini italiani residenti in provincia di Bergamo una media di 1,3 figli nel 2015 (era di 1,4 nel 2008) e di 2,23 figli delle coppie straniere (era di 3,39 nel 2008): «Nel 2016 sono nati 874 bambini, 68 in più del 2015, in cui si è toccato il dato più basso degli ultimi 26 anni – illustra Stefano Benigni –. Nel 2010 erano 997, nel 1991 erano 965. È opportuno valutare forme di sostegno economico al percorso di crescita dei nuovi nati, anche in relazione al primo figlio, seppur privilegiando i redditi più bassi». La proposta prevede l’istituzione in via sperimentale di un «bonus bebè» per il 2017 e quindi di un apposito fondo. Per accedervi dovrà essere redatto un regolamento con precisi requisiti.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 3 aprile 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA