Spesa on line, capannone a Lallio Il 50% dei lavoratori assunto tra i residenti

Spesa on line, capannone a Lallio
Il 50% dei lavoratori assunto tra i residenti

Un nuovo capannone si sta per inserire nel contesto della zona industriale di Lallio, e sicuramente sarà un’attività che opera nel campo delle spese on line.

Nell’ultimo Consiglio comunale di Lallio è stata adottata una variante al Piano di governo del territorio (Pgt) riguardante un piano attuativo di più di dieci anni fa, per la trasformazione di un’area a destinazione produttiva lungo via Europa.

Occuperà circa 16 mila metri quadri sui 30 mila totali del terreno. Che attività s’insedierà in via Europa? La ditta che costruirà il capannone dovrebbe essere la Sil Spa, che lavora a contatto con la grande distribuzione nel settore logistica e, come conferma il sindaco di Lallio, Massimo Mastromattei, «vi entrerà certamente un’attività di preparazione di spese on line». Da tempo si parla del gruppo Esselunga: un’ipotesi solida, ma ancora non confermata. Ma non ci si deve però aspettare un supermercato come gli altri: «Non ci sarà – dice Mastromattei – afflusso di pubblico, ma solo movimento di automezzi. Vi si prepareranno le borse della spesa per la consegna a casa. Ci saranno i ruoli di magazziniere, autista, ma anche un luogo di preparazione cibi». Tema importante: al privato che insedierà la sua attività l’amministrazione ha chiesto di riservare una quota di almeno il 50 per cento delle assunzioni a residenti di Lallio. I servizi sociali comunali raccoglieranno domande d’assunzione e curricula da girare all’azienda in base alle necessità.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 19 dicembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA