Germania, neonazista assalta sinagoga Trasmette attentato in diretta video, 2 morti
Un frame dell’attentatore (Foto by Ansa)

Germania, neonazista assalta sinagoga
Trasmette attentato in diretta video, 2 morti

È successo nel pomeriggio di mercoledì 9 ottobre a Halle, fuori dal la sinagoga dove si stava celebrando la ricorrenza dello Yom Kippur.

L’attentatore della sinagoga di Halle, in Germania, ha filmato la sua azione per 35 minuti con una telecamera fissata sulla testa. Nel video, postato su un sito di videogame, si sente l’uomo che prima di aprire il fuoco urla: “La radice di tutti i problemi sono gli ebrei». Lo riferisce Rita Katz, direttrice del sito di monitoraggio dei gruppi terroristici sul web, Site.

Nel video, che assomiglia a quello degli attacchi del 15 marzo scorso alle due moschee di Christchurch in Nuova Zelanda, si vede «prima l’attentatore esporre i punti di vista dell’estrema destra, poi guidare fino alla sinagoga», aggiunge Katz in un altro tweet postando dei fermo immagine del filmato.

Un frame di uno degli attentatori di Halle, 9 ottobre 2019.

Un frame di uno degli attentatori di Halle, 9 ottobre 2019.
(Foto by www.mdr.de)

L’uomo, che secondo Katz si presenta come ’Anon’, «si irrita perché non riesce a entrare nella sinagoga, e spara a caso a una donna per strada». Quindi sembra «improvvisare», «entra in un negozio e uccide un’altra persona prima di fuggire». Sulla base delle immagini, la direttrice del Site ipotizza che l’uomo abbia agito da solo. «La sua auto era piena di armi apparentemente fabbricate in casa, oltre a un laptop e a una macchina fotografica: il che suggerisce che dietro l’attacco ci sia un inquietante livello di pianificazione»

epa07907867

epa07907867
(Foto by FILIP SINGER)

La cancelliera Angela Merkel «ha espresso profonde condoglianze ai parenti delle vittime dell’attentato a Halle”: lo riferisce un tweet del portavoce del governo tedesco, Steffen Seibert. «La nostra solidarietà va a tutte le ebree e gli ebrei nel giorno festivo dello Yom Kippur», ha scritto ancora il portavoce.


© RIPRODUZIONE RISERVATA