Stazione, parcheggio all’ex gasometro Bisogna aspettare ancora un anno

Stazione, parcheggio all’ex gasometro
Bisogna aspettare ancora un anno

Bergamo, i pendolari: stanchi di aspettare, abbonamenti a prezzi speciali per chi viaggia in treno. E i residenti chiedono regole chiare per la sosta.

Un anno in più di attesa per vedere il parcheggio all’ex Gasometro aperto non è poi molto, se si attende da 25 anni. I pendolari della ferrovia hanno preso con filosofia il ritardo del cantiere alla Malpensata. Che, secondo i programmi, proprio in questi giorni doveva essere inaugurato. Un parcheggio di quasi 300 posti dove lasciare l’auto (a pagamento) prima di salire in carrozza. E che sarà pronto invece entro la fine del 2018, realizzato da Atb, a cui il Comune di Bergamo ha dato l’incarico (l’operazione è frutto di un accordo chiuso nel 2016 con Inps, ente proprietario dell’area).

Intanto il Comitato pendolari bergamaschi chiede un parcheggio sicuro e massima comunicazione delle formule di abbonamento per la sosta a pagamento. Per i pendolari sarà una piccola rivoluzione, perché i posti gratis nel piazzale della Malpensata saranno cancellati, a favore di un ampliamento del parco. Il mercato traslocherà in via Autostrada e anche parte delle strisce bianche del quartiere (vie Furietti e Don Bosco) saranno convertite in strisce gialle (a pagamento) riservate ai residenti. I pendolari si troveranno quindi costretti a pagare per la sosta. Atb sta assegnando, tramite gara, la progettazione esecutiva, poi si passerà all’affidamento dei lavori veri e propri.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale dell’Eco di Bergamo del 5 gennaio 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA