Auguri ai padri bergamaschi - Le foto E ci sono anche papà e figlio sbandieratori

Auguri ai padri bergamaschi - Le foto
E ci sono anche papà e figlio sbandieratori

È arrivato il giorno dedicato a tutti i papà, il nostro augurio lo facciamo attraverso i volti e le storie che ci avete mandato in questi giorni con i vostri scatti.

C’è chi festeggia la sua prima Festa del papà come Cosimo, neopapà di Pietro, sei mesi, di Calcinate. E chi mette le mani avanti dal pancione della mamma... preannunciando un mondo di amore e di notti insonni al futuro papà. C’è chi invece ricorda il suo papà volato in cielo e si stringe in un abbraccio forte forte con lui in questo giorno particolare. Sono belli, densi di emozioni, i messaggi che accompagnano le oltre 400 fotografie inviate alla nostra redazione in queste due settimane per festeggiare i papà della Bergamasca. E sono belli i sorrisi, gli abbracci, i momenti immortalati negli scatti pubblicati sulla pagina Facebook de l’Eco di Bergamo e in edicola lunedì 19 marzo in una piccola selezione per il quotidiano cartaceo.

Sono tantissimi i bergamaschi che in queste settimane hanno inviato alla posta della redazione ma anche sulla pagina Facebook del quotidiano o a Radio Alta le foto dei papà per dire in uno scatto tutto il loro amore. La redazione le ha raccolte e pubblicate ogni giorno in una gallery sui social network e sul sito Internet. Ci sono foto di ieri in bianco e nero o a colori degli anni Settanta ma anche foto di oggi al mare, in moto, al parco, in vacanza. Tanti momenti della vita quotidiana, unici nella loro semplicità, per celebrare i papà, il loro amore e affetto. C’è chi si è spinto persino a mandare una foto di ieri e di oggi per raccontare un amore che resta immutato nel tempo anche quando si diventa più grandi.

«Caro papà Cosimo è la prima festa del papà che festeggi perché da sei mesi nella tua vita sono arrivato io..auguri..con infinito amore Pietro da Calcinate». È il messaggio del piccolo Pietro, sei mesi, consegnato alla mamma per il suo papà Cosimo. E c’è anche chi festeggia dal pancione e sa già che ad attenderlo ci sarà un papà dai super poteri. «Probabilmente ti sveglierò spesso piangendo, anche quando sarai appena tornato dopo una notte di lavoro! Tra pochi mesi nascerò… sarò tuo figlio primogenito, e tu sei e sarai il mio “super papà”»!.

C’è chi invece gli auguri al suo papone li fa volare lontano lontano nel cielo. «Tanti auguri papone, anche quest’anno festeggeremo separati, io su questa terra, tu tra le soffici nuvole del paradiso. Sette anni che non stiamo insieme, un periodo che, fino a quella notte in cui ci siamo separati, non avrei mai pensato possibile.. sì perché io senza te non mi potevo proprio immaginare, tu che per me eri il mio tutto. Eppure 7 anni sono passati. Non c’eri mentre gioivo e mentre piangevo. Non c’eri. Eppure, ci sono mattine in cui mi sveglio reduce da un sogno in cui ti ho parlato, abbracciato, annusato il tuo profumo e chiamato “papà”, un nome che non pronuncio da parecchio. Tanti auguri, papone e non smettere mai di venire a trovarmi».

Nell’epoca dell’ «accettiamo la sfida di Facebook», che ci invita a postare foto amarcord, c’è chi ha partecipato alla raccolta immagini dei papà bergamaschi proposta da L’Eco di Bergamo attraverso la redazione web e la collaborazione di Radio Alta. Centinaia le foto arrivate alla nostra redazione: da due settimane, infatti, via mail e Fb, è stato possibile inviare lo scatto del proprio padre: una galleria raccoglie tutte le immagini sulla pagina Facebook de «L’Eco di Bergamo», ma anche sul sito web, all’indirizzo ecodibergamo.it.

Auguri papà!

Festeggia con noi la festa del papà e mandaci in Fb o via mail ([email protected]) la foto del tuo papà. Per info: https\://www.ecodibergamo.it/stories/bergamo-citta/festa-del-papa-fai-i-tuoi-auguri-on-lineaspettiamo-le-vostre-fotografie_1271756_11/

Le foto sono arrivate dal vasto mondo di Internet e anche grazie a WhatsApp, sempre più usato: a dare manforte anche la collaborazione di Teo Mangione durante il suo programma mattutino «Colazione con Radio Alta» che ha invitato i suoi ascoltatori a inviare sempre più scatti.

E tra le oltre 400 foto di oggi ce ne sono molte che raccontano i papà di ieri: c’è chi posta una foto in bianco e nero del papà in divisa e chi una foto scansionata da qualche album degli anni Settanta. Tutte immagini che raccontano di una vacanza al mare, un abbraccio da bambini, un palloncino che vola, una passeggiata in mezzo a un prato, nel verde, una visita a una città. Scatti semplici, come quelli che molti conserviamo negli album, o sullo smartphone, ma pieni di gioia e di amore. Per dare un mondo di auguri ai nostri papà.


© RIPRODUZIONE RISERVATA