Stranieri in calo in provincia di Bergamo
Tutti i dati Comune per Comune

Tutti i dati dei cittadini stranieri in provincia di Bergamo. Vi proponiamo una serie di infografiche interattive con tutti i dati Comune per Comune e le origini dei cittadini stranieri che abitano in provincia.

Stranieri in calo in provincia di Bergamo Tutti i dati Comune per Comune

Sono 120.205 gli stranieri residenti nella nostra provincia (dati Istat al 1° gennaio 2018) su una popolazione complessiva di 1.111.035 persone. Se confrontato con il dato degli anni precedenti si registra un calo quasi costante: in proporzione alla popolazione complessiva gli stranieri rappresentano il 10,8%. Erano il 10,9% nel 2016, l’11,5% nel 2014, l’11% nel 2010. Certamente sono diminuiti gli arrivi, possibili solo attraverso il ricongiungimento familiare: i nuovi iscritti dall’estero (che indicano quindi i soggiorni regolari) sono stati lo scorso anno 5.111, mentre i cancellati per l’estero (ritorni in patria o spostamenti in altri Paesi) sono stati 969.

I NUOVI CITTADINI ITALIANI - Un elemento di forte impatto sulla popolazione riguarda l’acquisizione della cittadinanza italiana da parte di molti residenti che hanno deciso di vivere in modo definitivo in Italia. 6.277 sono i nuovi cittadini nel 2017, mentre negli ultimi sei anni sono diventati cittadini italiani 27.499 persone straniere, con la punta massima nel 2016 con 8.799 acquisizioni.

Ecco un’infografica con tutti i numeri delle cittadinanze del 2017 Comune per Comune

Un confronto interessante riguarda i numeri del 2008, l’anno della crisi economica, un evento che ha influenzato il fenomeno migratorio, imponendo un rallentamento. Tra il 2008 e il 2017 la popolazione straniera è aumentata del 15%, mentre nei quattro anni precedenti la crisi, dal 2005 al 2008, l’incremento era stato del 30%.

Chi è rimasto e ha continuato a credere nel progetto migratorio è probabilmente anche chi negli ultimi anni ha ottenuto la cittadinanza, «uscendo» quindi dai numeri della popolazione straniera. Altro segno di stabilità il numero di morti stranieri: 180 nel 2017, un numero molto alto riferito a stranieri; i nati sono stati 2.072.

IL TERRITORIO - Rispetto alla distribuzione geografica, la presenza più consistente di persone straniere la si ritrova in quindici comuni della Provincia, concentrati tra pianura orientale, Val Calepio e Val Cavallina. Si registra una percentuale che varia tra il 24,5% e il 17,3% a Telgate, Verdellino, Montello, Romano, Antegnate, Villongo, Borgo di Terzo, Gaverina Terme, Casazza, Credaro, Ciserano, Carobbio degli Angeli, Covo, Calcio, Pianico.

In alcuni le percentuali sono stabili, in altri sono sensibilmente aumentate. Telgate, negli anni tra il 2013 e il 2015, aveva oltre il 28,3% di stranieri; negli stessi anni Verdellino aveva una percentuale superiore al 25%; Montello era attorno al 23%.

Ecco la mappa con le percentuale di stranieri di tutti i Comuni della Bergamasca

Sembra che il trend sia legato alla possibilità di trovare un impiego, infatti le famiglie straniere non hanno legami con luoghi particolari, per cui è facile che si spostino o eleggano come residenza le zone dove ci sono attività industriali o agricole.

Nella città di Bergamo c’è il numero assoluto più alto (19.960, pari al 16%), con un aumento del 44% rispetto al 2008. Nel 2017 solo nei Comuni di Cusio, Fuipiano e Valtorta non si sono registrati residenti stranieri (nel 2016 erano Cusio e Piazzolo). Nello stesso anno 26 erano i Comuni con una percentuale di stranieri uguale o superiore al 15% (erano 32 nell’anno 2016); sempre nel 2017 erano 12 i Comuni con una percentuale di stranieri inferiore a 1% (erano 10 nell’anno 2016).

La distribuzione geografica fa emergere anche il dato legato al genere. In 143 comuni su 242 (non ancora incluso Torre de Busi), la percentuale delle donne è superiore al 50% del totale (erano 137 nell’anno 2016); in 5 paesi (della Valle Brembana), la percentuale è pari al 100% e si tratta con tutta probabilità di badanti che si occupano della popolazione bergamasca sempre più anziana.

LE ORIGINI - Tanti i collettivi di passaporto presenti nella Bergamasca: 154 nel 2017, 153 l’anno precedente; tre le nazionalità con più di 10mila presenze (Marocco, Romania ed Albania); 24 le nazionalità con più di 1.000 persone.

Da segnalare il forte incremento di presenze tra cinesi ed indiani, mentre i boliviani continuano ad essere un caso particolare, anche se gli irregolari, che in passato a Bergamo si stimavano anche in 10mila persone, sono diminuiti: molti si sono regolarizzati, altri sono rientrati nel Paese.

Ecco un’infografica in cui è possibile consultare le origini dei cittadini in tutti i Comuni bergamaschi

© RIPRODUZIONE RISERVATA