Studente di Predore morto investito  «Il tuo sorriso continuerà a vivere»

Studente di Predore morto investito
«Il tuo sorriso continuerà a vivere»

Amici e insegnanti ricordano Marco Ciuferri, il 15enne vittima di un incidente a Villongo la vigilia di Natale. «Resterà nel volto delle persone a cui ha donato gli organi».

Ancora giorni di dolore per la comunità di Predore. Dopo la recente morte del 49enne Mauro Bonardi, vittima di un incidente mortale nel deserto del Marocco mentre era in sella a una moto, ora Predore piange la morte di Marco Ciuferri, 15 anni. Il ragazzo è stato investito a Villongo da un’auto la sera della vigilia di Natale ed è morto al «Papa Giovanni» il giorno di Santo Stefano per le gravi lesioni riportate nell’incidente avvenuto sulla strada provinciale mentre stava spingendo uno scooter con un altro suo amico, rimasto illeso.

Il feretro di Marco è giunto nel pomeriggio di Predore ed è stato posto nella cappella dell’Immacolata. Ad aspettarlo tantissimi giovani in lacrime: i compagni delle medie, i compagni di classe del «Serafino Riva», tanti amici di Tavernola che aveva conosciuto al campo scuola della Protezione civile e tantissimi altri dei paesi vicini. «Era forte, un matto, ma tanto buono», raccontano in lacrime. Alla Filanda, dove abitava con il padre Diego e il fratello Luca di 11 anni, aveva fatto amicizia con tutti i condòmini che lo ricordano come un «ragazzo solare, allegro, a cui piaceva tanto pescare». Tutto il paese si è stretto intorno alla famiglia, al padre Diego con cui Marco abitava da quattro anni, un padre distrutto dal dolore.

Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale dell’Eco di Bergamo del 28 dicembre 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA