Studiare in Usa, Brasile, Australia? Si può I nuovi bandi dell’Università di Bergamo

Studiare in Usa, Brasile, Australia? Si può
I nuovi bandi dell’Università di Bergamo

Stati Uniti, Australia e Brasile: tre nazioni da sogno non solo per andare in vacanza, ma anche per studiare. Ne sanno qualcosa gli studenti dell’università di Bergamo che in questi giorni stanno compilando la domanda di partecipazione al bando pubblicato il 30 gennaio sul sito internet dell’ateneo orobico.

Un titolo formale, con parentesi allettanti: «Bando per mobilità ai fini di studio in sedi Extra Ue a.a. 2017-18 (Usa, Australia, Brasile)». Sono molti i posti disponibili: 6 posti semestrali (x 5 mesi ciascuno) per studenti che intendano seguire corsi a tempo pieno presso la UNIVERSITY OF TECHNOLOGY SYDNEY (Australia).

2 posti semestrali (x 5 mesi ciascuno) per studenti che intendano seguire corsi a tempo pieno presso la UNIVERSITY OF SOUTH AUSTRALIA – ADELAIDE (Australia).

2 posti semestrali (x 5 mesi ciascuno) per studenti che intendano seguire corsi a tempo pieno presso• la COLORADO STATE UNIVERSITY – PUEBLO (USA).

2 posti semestrali (x 4 mesi ciascuno) per studenti che intendano seguire corsi a tempo pieno presso• la FAIRLEIGH DICKINSON UNIVERSITY – MADISON, NJ (USA).

5 posti semestrali (x 5 mesi ciascuno) per studenti che intendano seguire corsi a tempo pieno presso• la WAYNE STATE UNIVERSITY – DETROIT (USA) - College of Liberal Arts and Sciences e College of Engineering.

5 posti semestrali (x 5 mesi ciascuno) per studenti che intendano seguire corsi a tempo pieno presso• la PONTIFÍCIA UNIVERSIDADE CATÓLICA DO PARANÁ – PUCPR (Curitiba, Paraná) (Brasile).

2 posti semestrali (x 5 mesi ciascuno) per studenti che intendano seguire corsi a tempo pieno presso• la UNIVERSIDADE TECNOLOGICA FEDERAL DO PARANÁ (Brasile).

2 posti semestrali (x 5 mesi ciascuno) per studenti iscritti a corsi di Laurea della Scuola di• Ingegneria che intendano seguire corsi a tempo pieno presso la UNIVERSIDADE FEDERAL DO RIO GRANDE DO SUL - PORTO ALEGRE (Brasile).

C’è tempo fino al 28 febbraio per presentare le domande. Qui tutte le informazioni.

Possono presentare domanda tutti gli studenti regolarmente iscritti presso l’Università degli Studi di Bergamo. Gli studenti cittadini di un Paese non appartenente all’Unione europea, una volta selezionati, sono tenuti a raccogliere presso l’università ospitante con sufficiente anticipo le informazioni sulle formalità da espletare per poter soggiornare nel Paese di destinazione (visto d’ingresso e permesso di soggiorno), facendo anche attenzione alle richieste in merito alla condizione economica che deve essere tale da garantire il sostentamento durante il periodo di mobilità. Gli studenti selezionati non potranno, nello stesso anno accademico, beneficiare di altri posti in scambio con la stessa finalità (altra mobilità Extra UE, Erasmus+ per mobilità ai fini di studio, Doppio Titolo, Global Business Programme, Boarding Pass); sarà possibile invece beneficiare di posti scambio con finalità diverse (es. tirocinio). Durante il periodo mobilità all’estero, gli studenti selezionati acquisiranno lo status di EXCHANGE STUDENT e saranno ritenuti a tutti gli effetti iscritti presso l’Università ospitante, la quale non richiederà loro il pagamento di alcun tipo di tassa o contributo universitario. Tuttavia, lo studente dovrà continuare ad adempiere ai propri doveri nei confronti dell’università di Bergamo: pagare le tasse e i contributi d’iscrizione per l’a.a. 2017/18, compilare il relativo piano di studi e rispettare in genere le scadenze e gli adempimenti indicate dalla Segreteria Studenti. Gli studenti in mobilità Extra UE dovranno iniziare e concludere il periodo di studio all’estero nella condizione di studente universitario regolarmente iscritto. Lo studente che intende laurearsi al termine del periodo di mobilità, dovrà comunicarlo per tempo all’ufficio Programmi Internazionali per consentire il riconoscimento e la registrazione in carriera dell’attività svolta all’estero. Gli esami da sostenere nel periodo di mobilità devono essere quelli inseriti nel piano di studio relativo all’a.a. 2016/17. L’eventuale modifica del piano per l’a.a. 2017/18 comporta infatti l’obbligo di prendere iscrizione per tale anno accademico, pagare la relativa contribuzione studentesca e l’impossibilità di laurearsi nella sessione straordinaria di marzo/aprile, riferita al precedente anno accademico. Resta dunque inteso che gli studenti dovranno ottemperare a tutti gli obblighi previsti dall’Università di Bergamo per l’anno accademico 2017/2018. In particolare, gli studenti pre-iscritti a corsi di Laurea Magistrale dovranno perfezionare la loro iscrizione entro i termini previsti dai singoli Dipartimenti e sostenere, ove richiesto, il relativo colloquio di ammissione, pena l’esclusione dal Programma. Si segnala inoltre che il mancato conseguimento del titolo triennale entro la sessione straordinaria comporterà la restituzione dei contributi precedentemente erogati e il mancato riconoscimento delle attività svolte nel periodo di mobilità.


© RIPRODUZIONE RISERVATA