Successo per la fiera di Sant’Alessandro Ecco le quattro «regine» premiate

Successo per la fiera di Sant’Alessandro
Ecco le quattro «regine» premiate

I «grandi cambiamenti climatici che mettono in difficoltà gli operatori rurali» citati da Maurizio Martina, ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, durante la sua lunga e appassionata visita nella giornata inaugurale di venerdì, si sono fatti sentire anche durante la Fiera di Sant’Alessandro. In particolare nella giornata di sabato, quando forti acquazzoni hanno condizionato il regolare svolgimento dell’ampio calendario di eventi collaterali programmati nell’area esterna.

Pur davanti alla forza della natura, il pubblico di appassionati e di operatori ha comunque raggiunto e apprezzato la storica Fiera dedicata al mondo rurale, da anni punto di riferimento per la filiera agro-alimentare.

Domenica, poi, con il ritorno del bel tempo, la fiera è stata gioiosamente invasa da un pubblico formato in particolare da famiglie. Al termine della “tre giorni” dedicata al mondo contadino, si sono registrati oltre 45mila ingressi provenienti da tutta la regione: dato che conferma l’amore della gente per la Fiera di Sant’Alessandro. Pur con motivazioni e angolature diverse, forti apprezzamenti alla manifestazione sono arrivati dai tanti rappresentanti di istituzioni, enti, associazioni e mondo politico intervenuti. Oltre al ministro Martina, citiamo gli interventi nella giornata inaugurale di Paolo Malvestiti, Presidente della Camera di Commercio di Bergamo, Sergio Gandi, Vicesindaco del Comune di Bergamo, Matteo Rossi, Presidente della Provincia di Bergamo, Claudia Maria Terzi, Assessore regionale all’Ambiente, Alberto Brivio, Presidente Coldiretti Bergamo e Aldo Marcassoli, Direttore Confagricoltura Bergamo. Domenica è stata invece la volta del sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, che oltre a visitare la manifestazione insieme alla first lady cittadina Cristina Parodi, insieme alla consorte ha premiato alcuni vincitori del concorso internazionale Purosangue Arabo.

Duecento imprese provenienti da 15 regioni (quattro imprese straniere), 250 capi di bestiame per il commercio, oltre 250 cavalli coinvolti in concorsi (tra cui il sempre più blasonato appuntamento internazionale dedicato al Purosangue Arabo, a cui hanno partecipato esemplari provenienti da 18 paesi stranieri, nuovo record), centinaia di eventi collaterali, hanno decretato l’assoluta bontà del progetto.

CONCORSI – CLASSIFICHE FINALI

LE REGINE DI RAZZA BOVINA

Oltre 250 i capi pregiati per il commercio selezionati per la FdSA2017. Quest’anno, per l’elezione delle regine bovine, grande novità con l’aggiunta di una nuova razza premiata. Oltre alle tradizionali Frisona, Red Holstein e Bruna, nuovo e meritato podio anche per la razza Pezzata Rossa.

Razza Frisona: OLINDA (Angelo Giorgio Giupponi - San Pellegrino Terme, BG)

Razza Red Holstein: ZIRM (Zar Zentrale Arbeitgeneiimschaft - Austria)

Razza Pezzata Rossa: SONIA (Angelo Arnoldi – Valbrembo, BG)

Razza Bruna: AJSHA (Angelo Giorgio Giupponi - San Pellegrino Terme)

A BERGAMO IL BOSCAIOLO PIU’ FORTE E’ IL TOSCANO IAGOR TONINELLI

Il boscaiolo di Pistoia conquista il primo posto nella tappa di Bergamo del Campionato nazionale Triathlon del boscaiolo svoltasi alla Fiera di Sant’Alessandro. Secondo posto per il bolzanino Karl Ennemoser, terzo gradino per il trentino Mirko Lorenzini

La Fiera di Sant’Alessandro, tradizionale appuntamento con la filiera agroalimentare organizzato da Bergamo Fiera Nuova e Promoberg, ha ospitato per il settimo anno consecutivo la tappa della “Gara Nazionale Triathlon del boscaiolo”, competizione promossa in collaborazione con la Federazione Italiana Boscaioli. I concorrenti, arrivati in particolare dal Nord Italia, hanno coinvolto a più non posso il folto pubblico presente nell’area esterna della Fiera di Bergamo, grazie ad una serie di evoluzioni travolgenti e sotto l’incoraggiamento costante dei tanti supporters. Di seguito il podio vincente.

1° Iagor Toninelli di Pistoia

2° Karl Ennemoser di Bolzano

3° Mirko Lorenzini di Levico (TN)


© RIPRODUZIONE RISERVATA